fbpx

Emanuela Gregori e Andrea Ciarlariello

“Oggi il nostro Paese e il nostro cattolicesimo sono tentati dal provincialismo, ricaduta del mondo globale e anticamera del nazionalismo” ha sostenuto Andrea Riccardi, Presidente della Società Dante Alighieri, durante la presentazione di Sul confine. Incontri che vincono le paure, l’ultimo libro di Mons. Nunzio Galantino (ed. Piemme, 2019), a cui hanno partecipato anche l’autore e Marco Damilano. Il prof. Riccardi ha poi proseguito: “una società affamata di uomo forte e semplificazioni, che sono sempre bugie, non riesce a capire il discorso di papa Francesco sui migranti, che è stato usato per ingigantire la paura ma è invece coerente con la tradizione dei papi del Novecento, da Pio XII a Paolo VI e Giovanni Paolo II. Un ragionamento che facciamo poco è quanto i migranti siano essenziali per la rigenerazione del nostro Paese. Un Paese stanco in cui 100-150 mila giovani vanno via: non solo perché non trovano lavoro ma perché non credono più nell’Italia. Il libro di Mons. Galantino è il viaggio di un uomo sensibile, inquieto, capace di incontro, capace di farsi ferire dalla realtà. Egli non ha la presunzione di dare una risposta globale ma offre una lettura del nostro Paese, del Mediterraneo e del mondo particolarmente interessante. Sposta la visuale. Un libro vale per quello che è e per il momento in cui lo si legge: una fase di stanchezza e afasia che tocca anche la Chiesa”…

L'articolo è disponibile in forma integrale solamente per i Soci abbonati a "Pagine della Dante" e "Apice".

La preghiamo di effettuare l'accesso all'area riservata o di sottoscrivere un nuovo tesseramento.


Se è già Socio della Dante, ma non è in possesso delle credenziali per accedere all'area riservata la preghiamo di compilare questa scheda.