fbpx

Valerio De Luca

Tra i soggetti protagonisti della vita diplomatica, dell’italianità e dell’Italsimpatia a Mosca un posto di primo piano lo ha il Consolato Generale d’Italia, guidato dal 2017 da Francesco Forte. In questa conversazione il Console illustra le potenzialità della diffusione della lingua e della cultura del nostro Paese nella metropoli russa.

Quali funzioni svolge il Consolato Generale d’Italia a Mosca? Quando ha iniziato il suo incarico?

Il Consolato Generale d’Italia a Mosca si occupa di garantire l’assistenza e la tutela dei cittadini italiani nella circoscrizione della Capitale, oltre a offrire una vasta serie di servizi amministrativi per cittadini italiani e russi, dal rilascio e rinnovo dei passaporti alla gestione delle emergenze per i connazionali, al rilascio dei visti per l’Italia. Il Consolato è inoltre attivo nella promozione di diverse iniziative culturali volte a diffondere la lingua e la cultura italiane in Russia e favorire l’interscambio culturale tra i due paesi.

Il mio lavoro inizia a Mosca dal settembre 2017. All’inizio del mio incarico, appena giunto a Mosca, l’impressione che ho avuto, è che la città sia una capitale storica dell’Europa. Non si fa molta fatica ad abituarsi al suo stile di vita, non ci sono molti “cross cultural”.

Cosa fanno gli italiani a Mosca?

La comunità italiana a Mosca è bellissima. Sono tutti professionisti che fanno molto onore all’Italia.  Ci sono poi moltissimi studenti, il cui numero è in crescita. Poi ci sono molti italiani che si sono trasferiti, come molti lavoratori del settore design e architettura. Hanno un rapporto diretto e molto positivo con il Consolato. Ogni mese di dicembre realizziamo un evento a loro dedicato, dove ci vediamo per un cocktail natalizio e ci scambiamo gli auguri. Si danno molto da fare per la promozione dell’immagine e della cultura italiana…

L'articolo è disponibile in forma integrale solamente per i Soci abbonati a "Pagine della Dante" e "Apice".

La preghiamo di effettuare l'accesso all'area riservata o di sottoscrivere un nuovo tesseramento.


Se è già Socio della Dante, ma non è in possesso delle credenziali per accedere all'area riservata la preghiamo di compilare questa scheda.