IN EVIDENZA

L’83° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri "Italia, Argentina, Mondo – L’italiano ci unisce si terrà a Buenos Aires, Argentina, tra il 18 e il 20 luglio 2019. Sarà il primo congresso mondiale della rete Dante ad essere organizzato fuori dal continente europeo: per la Società, il legame fraterno tra i paesi, alimentato per generazioni, è vitale.

congressoladante.org »

Sinossi a cura di Aldo Onorati
Dante e Beatrice sono ancora nel cielo del Sole. E’ mercoledì 13 aprile dell’anno giubilare 1300.
San Bonaventura smette di parlare e la corona circolare riprende il suo moto di danza cantando. Ma lo splendore di quegli spiriti è tale, che il Poeta, per darne solo un’idea, tenta un’analogia con le stelle più brillanti del cielo, e ne allegorizza anche la presenza e il significato: sono quindici astri di prima grandezza, più le sette stelle dell’Orsa Maggiore con due dell’Orsa Minore: la somma porta a ventiquattro come il numero dei beati. Dante aveva letto il compendio di astronomia di Alfragano e possiamo – per esemplificazione aggiuntiva – nominare le quindici folgoranti stelle a cui il Poeta fa riferimento: Capella, Arturo, Regolo, Aldebaran, Procione, Vega, Denebola, Spica, Formalhaut, Rigel, Achemar, Sirio, Canopo e Rugel Kent. “Tuttavia, il lettore potrà farsi un’idea molto imprecisa di quei fulgori, come se volesse paragonare il moto della sfera più ampia con quello del nostro fiume Chiana”. Ed è scontato che loro cantino lodi non alle divinità pagane, ma alla Trinità.
Come ricorderemo, nel X canto Tommaso aveva parlato con espressioni oscure che avevano lasciato Dante pieno di dubbi e di curiosità. Uno, il verso: “U’ ben s’impingua se non si vaneggia”, lo aveva spiegato nel canto XI; l’altro “A veder tanto non nacque il secondo”, lo chiarirà qui. Si tratta di Salomone, che è racchiuso nella quinta luce. Bene. Dante vede una contraddizione in questa sentenza, in quanto Adamo era pieno di sapienza e altrettanto Gesù essendo Dio. Ma Tommaso spiega che Salomone era re, e a lui Dio ha concesso di essere il più sapiente dei re, proprio perché, potendoGli chiedere tutti i beni del mondo, egli volle la sapienza di poter governare saggiamente, e il Signore lo premiò per la qualità della richiesta (Tommaso immette nel suo criptico ragionamento una terzina che sa di invettiva sfuggente e smorzata, ma chiara: “e se al ‘surse’ drizzi li occhi chiari,/ vedrai aver solamente rispetto/ ai regi, che son molti, e ‘ buoni son rari”. Quando può, il Poeta esiliato non perde occasione per mandare giuste frecciate che diventano un fatto generale (ad es. :”Le leggi son, ma chi pon mano ad esse?”; “Giusti son due ma non vi sono intesi” etc.)
Il seguito del canto è fortemente didattico, e molto bello.
Dunque, san Tommaso aveva fatto (come è nella prassi della Scolastica) una distinzione fra le due verità: quella di Dante e la sua. Adamo e Cristo, come si è spiegato prima, sono sapienti per eccellenza, ma anche Salomone lo è, però nell’ambito della saggezza regale. Da questa doppia verità – continua il filosofo d’Aquino – bisogna prendere lezione per non dare giudizi avventati e per non fare, diremmo noi, di tutta l’erba un fascio. Inoltre, bisogna avere i ferri del mestiere adatti per giungere a un risultato, non come il pescatore che si allontana dalla costa e torna a mani vuote perché non esperto abbastanza. Tommaso porta esempi di filosofi greci (Parmenide, Melisso, Brisone) che andarono per vie sbagliate verso la verità, al punto che Aristotele e Alberto Magno li criticano. Anche Sabellio e Arrio (eretici, il primo dei quali disconosceva il dogma della Trinità – siamo al terzo secolo d.C. – e il secondo non ammetteva la divinità di Cristo) pensarono e agirono da stolti.
Gli ultimi 13 versi, ancorché fortemente didattici, assurgono a saggezza di proverbi (tali alcuni debbono essere stati al tempo di Dante) e sono talmente belli, da meritare la citazione letterale (salvo poi una spiegazione globale): “Non sien le genti, ancor, troppo sicure/ a giudicar, sì come quei che stima/ le biade in campo pria che sien mature; / ch’i’ ho veduto tutto il verno prima / lo prun mostrarsi rigido e feroce, / poscia portar la rosa in su la cima; / e legno vidi già dritto e veloce / correr lo mar per tutto suo cammino, / perire al fine a l’intrar de la foce. / Non creda donna Berta e ser Martino, / per vedere un furare, altro offerere, / vederli dentro al consiglio divino;/ ché quel può surgere, e quel può cadere”. Oggi ci esprimeremmo così: “Non dire quattro se non l’hai nel sacco” e, forse, “Giudica alla fine un atto o una speranza, perché da un legno che pare secco può spuntare il fiore, mentre una nave sicura, veloce, dopo aver superato le tempeste gagliardamente, può affondare vicino al porto. Tizia e Caio non sputino sentenze definitive sostituendosi al giudizio divino, solo perché credono che un ladro occasionale andrà all’inferno e uno che fa l’elemosina salire in Paradiso, mentre può avvenire il netto contrario”.

Le nostre scuole di italiano

Scuola di BolognaScuola di FirenzeScuola di MilanoScuola di RomaProfilo TO

Le pillole della Dante

Le pillole della Dante

La Dante al Premio Strega

Premio Strega

Le nostre riviste

Pagine2017 04 s    apice2017 03 s

#dantemania

#dantemania

750 anni di Dante

Dante ha 750 anni, ma noi continuiamo a leggerlo e ci prepariamo, con #Dantemania, alle celebrazioni dantesche del 2021. Inizia nel 2015 il conto alla rovescia per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, uno dei poeti italiani più studiati e amati #italofonia

In primo piano:

ArtWireless

bannerAW

La cultura viaggia senza fili

Progetto online di informazione per l'arte, idea di cultura che viaggia senza fili e prodotto utile al sistema museale pubblico e privato, agli studiosi, ai collezionisti, agli artisti, ai galleristi e a tutti gli amanti della cultura desiderosi di conoscere ciò che accade nel mondo dell'arte.

In primo piano:

I Parchi Letterari®

logoParchiLetterari

Scopri i Parchi Letterari® Italiani

Accade a volte di sognare tra le pagine di un libro; ma che ne direste se ad avvolgersi attorno a voi fosse un intero Parco Letterario? Scopri i nostri percorsi ed itinerari attraverso i luoghi di vita e di ispirazione dei grandi scrittori di tutti i tempi.

In primo piano: