Segui la diretta dell'83° Congresso Internazionale a Buenos Aires

IN EVIDENZA

Con i video saluti del Presidente della Repubblica Argentina Mauricio Macri e del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella si è aperto ieri nel Campus della Universidad Católica Argentina di Buenos Aires l’83° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri.

Vai al comunicato stampa

 

QUASI UN DIARIO DI VIAGGIO di Lamberto Lambertini
Gli impulsi civili di Dante, gli affreschi del Palazzo Pubblico. Il grande braccio meccanico ci è venuto in aiuto per mettere in risalto, come un ironico volo d'uccello, gli effetti del buono, con la città che vive in armonia, e quelli del cattivo governo, dove la città è in rovina. In questo gioco di specchi di possibile vita civile abbiamo associato un'arte femminile che ancora resiste, quella della pittura su vetro. Un salto all'Accademia dei Fisiocritici. Scheletri, animali imbalsamati, tavole, mappe. Verne e Darwin.

XXVII - BUONGOVERNO (Siena)
Palazzo Pubblico di Siena Allegoria ed Effetti del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti (1337-1340).
Gli affreschi, che dovevano ispirare l'operato dei governatori cittadini che si riunivano in queste sale, sono composti da quattro scene disposte lungo tutto il registro superiore di una stanza rettangolare, detta Sala del Consiglio dei Nove, o della Pace. Il maestoso dipinto occupa tre pareti: la parete centrale rappresenta la buona politica retta dalle virtù naturali e cristiane; la parete Est ritrae gli effetti del buongoverno in città e nel contado; la parete Ovest rappresenta invece l’antitesi di quanto prima esposto, cioè il Malgoverno con le sue conseguenze sulla società.
Egizia
Lo stabilimento di Egizia nasce nel 1949, in una piccola valle tra San Gimignano e Poggibonsi, con l’intento di creare oggetti eleganti e sofisticati abilmente impreziositi utilizzando la tecnica della serigrafia manuale diretta. Oggetti in vetro e cristallo che spaziano dal contemporaneo al classico all’oggetto funzionale.
Accademia delle scienze di Siena
L'Accademia delle Scienze di Siena, detta anche Accademia dei Fisiocritici fu fondata nel 1691 nella libreria dello Spedale di Santa Maria della Scala, dal senese Pirro Maria Gabrielli, docente di Medicina e di Botanica. Nel 1694 l’Accademia si trasferisce nella Casa della Sapienza, allora sede dell’Università e oggi della Biblioteca Comunale degli Intronati. L'ambito delle indagini fu limitato alle scienze naturali, la medicina e la filosofia, anche se negli statuti si faccia cenno ad esercitazioni poetiche. Nel 1700 ebbe inizio un periodo di crisi dell'Accademia che durò fino alla Restaurazione quando nel 1816 venne donata ai Fisiocritici una sede: il monastero dei Camaldolesi.

 

Sinossi a cura di Aldo Onorati
Non c’è soluzione di continuità fra i due canti, per cui l’ora è quasi la stessa e, naturalmente, il giorno e il luogo.
Due sono i punti centrali del passo presente: il problema del dialetto lombardo messo in bocca a Virgilio (grazie al quale si ferma a parlare Guido da Montefeltro) e Bonifacio VIII.
La fiammella solitaria emette una specie di muggito, simile a quello del bue di rame coniato dal fabbro Perillo per donarlo al crudele tiranno di Agrigento Falaride: messo dentro alla pancia un condannato, e sistemata la pira sotto il bue, le urla del malcapitato sembravano muggiti, ma strazianti e comici allo stesso tempo. L’invenzione fu fatta sperimentare per primo proprio all’inventore: “una fine giusta –scrive Ovidio – in quanto, chi è artefice di morte, deve perire per la sua stessa arte”.
Ora, Guido da Montefeltro (similmente a Farinata che aveva riconosciuto Dante dalla parlata fiorentina), sente il dialetto lombardo di Virgilio. La zona (Lombardia) a quei tempi assai lata rispetto all’odierna regione. Il dannato muore dalla voglia di sapere notizie del dolce mondo (tutte le anime ricordano con nostalgia “l’aiuola che ci fa tanto feroci”, ed è comprensibile: per quanto si stia male qui, l’inferno è peggiore: verità lapalissiana).
Ma perché mai il dotto Virgilio, che non ha permesso a Dante di parlare agli altezzosi greci, usa poi il gergo del suo paese (Mantova)? Leggiamo la domanda del nuovo consigliere di frode: “ Udimmo dire:- O tu a cui io drizzo/ la voce e che parlavi mo lombardo, /dicendo ‘Istra ten va, più non t’adizzo’…” (v. 19-21). Tradotto, è: “Adesso ten va, più non ti incito”: e
ra rivolto a Ulisse. Possibile che, dopo una tanto alta e drammatica tessitura linguistica (mi riferisco al brano dell’avventura di Odisseo), il poeta latino si sia espresso così verso un altro grande, liquidandolo con un poco riguardoso e piuttosto irriconoscente sintagma? I commentatori tentano sempre di giustificare Dante, di salvarlo in qualche modo, ma qui è palese l’espediente narrativo per immettere sulla scena un italiano e per dare all’Alighieri occasione di sfogarsi anche lui sulla penosa questione della Romagna, e, infine, per tirare in ballo ancora una volta il papa che non fu estraneo –anche se indirettamente- alle sciagure dantesche. ‘Omnia poetae licent’: e vada per questa giustificazione generale!
Guido da Montefeltro, nato nel 1220, ghibellino, valoroso condottiero del suo secolo, fu Capitano del popolo a Forlì e promotore della politica avversa al papa, nelle Romagne. Venne scomunicato, ma le sue gesta di guerriero e di astuto politico lo portarono a notevoli onori (fino ad essere Signore di Urbino). Però la sua esistenza, in vecchiaia, a 76 anni, ebbe una svolta insospettabile: “Quando mi vidi giunto in quella parte/ di mia etate ove ciascun dovrebbe/ calar le vele e raccoglier le sarte,/ ciò che pria mi piacea, allor m’increbbe,/ e pentuto e confesso mi rendei;/ ahi miser lasso! E giovato sarebbe” (v. 79-84: ‘Quando arrivai a quell’età in cui ognuno dovrebbe tirare i remi in barca, mi accorsi che quanto prima mi piaceva, ora mi rincresceva, sicché, dopo essermi pentito e confessato, presi il saio. Ahimé, ne avrei tratto giovamento, se non fossi caduto nei tranelli del Principe dei nuovi farisei: Bonifacio VIII’). Il pontefice, che Guido mette in luce come nemico non dei “Saracin” o dei “Giudei”, ma dei cristiani oppositori suoi personali, lo chiamò onde avere consiglio per espugnare Palestrina (feudo dei Colonna). Infatti, nel 1298 la città si arrese e Bonifacio la fece distruggere salvando unicamente la cattedrale.
Quando il cattivo consigliere, ora frate, ma celebre uomo d’armi un tempo, ristette davanti alla risposta, temendo il castigo eterno, il papa lo rassicurò dicendo: “Finor t’assolvo, e tu m’insegna a fare/ sì come Penestrino in terra getti. / Lo ciel poss’io serrare e diserrare, / come tu sai; però son due le chiavi/ che ‘l mio antecessor non ebbe care” (v. 100-105). L’antecessor è Celestino V: da qui l’ipotesi (sempre discussa e combattuta) che il papa dimissionario sia l’ombra senza nome fra gli ignavi del III canto.
Alla morte del Montefeltro, appaiono san Francesco in sua difesa e il diavolo in sua accusa. “Assolver non si può chi non si pente, / né pentere e volere insieme puossi / per la contradizion che nol consente”, asserisce il demonio, ironizzando: “Forse/ tu non pensavi ch’io loico fossi!” (v. 122-123). La contesa per un’anima, fra diavoli e santi (o angeli, come si vedrà in Purgatorio nel racconto di Buonconte da Montefeltro, figlio di Guido), non è di conio dantesco, ma è nella tipologia della poesia religiosa italiana dei primordi e delle sacre rappresentazioni.
Minosse, a cui il vincitore infernale condusse l’anima di Montefeltro, lo mandò senza il minimo dubbio fra i consiglieri di frode.
I due pellegrini, però, debbono affrontare un altro “scoglio infino in su l’altr’arco/ che cuopre ‘l fosso in che si paga il fio/ a quei che scommettendo acquistan carco” (v. 134-136, ove scommettendo significa dividendo, separando; infatti, la prossima bolgia contiene i seminatori di scandali e gli scismatici). 

Le nostre scuole di italiano

Scuola di BolognaScuola di FirenzeScuola di MilanoScuola di RomaProfilo TO

Le pillole della Dante

Le pillole della Dante

La Dante al Premio Strega

Premio Strega

Le nostre riviste

Pagine2017 04 s    apice2017 03 s

#dantemania

#dantemania

750 anni di Dante

Dante ha 750 anni, ma noi continuiamo a leggerlo e ci prepariamo, con #Dantemania, alle celebrazioni dantesche del 2021. Inizia nel 2015 il conto alla rovescia per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, uno dei poeti italiani più studiati e amati #italofonia

In primo piano:

ArtWireless

bannerAW

La cultura viaggia senza fili

Progetto online di informazione per l'arte, idea di cultura che viaggia senza fili e prodotto utile al sistema museale pubblico e privato, agli studiosi, ai collezionisti, agli artisti, ai galleristi e a tutti gli amanti della cultura desiderosi di conoscere ciò che accade nel mondo dell'arte.

In primo piano:

I Parchi Letterari®

logoParchiLetterari

Scopri i Parchi Letterari® Italiani

Accade a volte di sognare tra le pagine di un libro; ma che ne direste se ad avvolgersi attorno a voi fosse un intero Parco Letterario? Scopri i nostri percorsi ed itinerari attraverso i luoghi di vita e di ispirazione dei grandi scrittori di tutti i tempi.

In primo piano: