IN EVIDENZA

L’83° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri - "Italia, Argentina, Mondo – L’italiano ci unisce si terrà a Buenos Aires, Argentina, tra il 18 e il 20 luglio 2019. Sarà il primo congresso mondiale della rete Dante ad essere organizzato fuori dal continente europeo: per la Società, il legame fraterno tra i paesi, alimentato per generazioni, è vitale.

congressoladante.org »

QUASI UN DIARIO DI VIAGGIO di Lamberto Lambertini
Certo non c'è più la bella nebbia di una volta. Né le anguille corrono numerose dai Sargassi. Ma quando i dodici forni giganteschi, accesi per noi, infuocano gli spiedi sentiamo odore d'inferno e il profumo dei sapori dimenticati. Rugosi Caronti solcano i rami del Po, affollati di gabbiani e fenicotteri.

VI - NEBBIA (Comacchio-Ferrara)
Valli di Comacchio
Racchiuse tra il Po, il Reno e l'Adriatico, le Valli di Comacchio sono una zona umida importantissima dal punto di vista ecologico, ma anche un caratteristico esempio di integrazione tra ambiente naturale e attività umana. Da tempo immemorabile, infatti, qui si praticano la pesca e l'allevamento estensivo di numerose specie ittiche pregiate. In particolare l'anguilla, pesce serpentiforme che si riproduce nel Mar dei Sargassi ma compie il ciclo vitale (7-10 anni) nelle acque interne, era importante per l'economia locale.

 

Sinossi a cura di Aldo Onorati
È il venerdì santo, 8 aprile. Circa la mezzanotte. Siamo nel III cerchio, quello dei golosi, di cui è custode Cerbero, mostro vorace e chiassoso. Tanto i golosi quanto i lussuriosi, e poi gli avari e prodighi nonché gli iracondi, appartengono al grande gruppo degli incontinenti; ma i primi due hanno ceduto, in vita naturalmente, a uno smodato senso del godimento fisico, mentre i seondi due hanno il sovrappeso di un diletto altrettanto fisico ma unicamente per se stessi.
I golosi sono puniti attraverso una battente pioggia di acqua, neve e grandine che li colpisce riversi a terra. Inoltre, il demonio Cerbero li “iscoia ed isquatra” (v. 18). C’è un fetore di acquitrinio che disturba l’odorato, così come la pioggia rende insipidi i sapori al palato: è la legge del contrappasso.
Il guardiano dalle tre gole, appena scorse i due, aprì le bocche e mostrò le zanne, ma Viriglio non parlò, bensì “distese le sue spanne,/ prese la terra, e con piene le pugna/ la gittò dentro a le bramose canne” (v. 25-27).
Il paesaggio è grigio, freddo, untuoso. Dei dannati, solo uno riesce ad alzarsi dalla mota. È il fiorentino Ciacco, che Dante non riconosce a causa dell’aspetto fangoso. È il dannato noto in Firenze per la sua ingordigia (e del quale parla anche Boccaccio in “Decameron, IX-8) a ravvisare l’Alighieri, parlandogli con un’allitterazione (“tu fosti, prima ch’io disfatto, fatto”), bisticcio di parole che il Sommo Poeta ha caro, e lo userà spesso, specie nella parlata aulica di Pier delle Vigne.
Per il suo cincittadino, Dante prova un sentimento angoscioso; si scusa di non rammentarne la fisionomia, però il motivo c’è, ed è la sofferenza che il dannato sente al punto di farla affiorare nei lineamenti del volto. Ma Ciacco si apre a un’amara descrizione dei fiorentini: invidiosi oltre ogni limite. Quelli lo soprannominarono Ciacco per il vizio della gola (Boccaccio fa derivare il nome da “ciens”, colui che chiede, riferendosi alla sua voracità; per altri è una deformazione di Jacopo, cioè di Jacques). Come una difesa non richiesta, o forse per smorzare la dolente meraviglia del pellegrino, Ciacco afferma che non è il solo ad essere punito, lì, per quel peccato. Quindi tace.
Ora è necessario puntualizzare una riflessione di fondo. Il sesto canto dell’Inferno, come tutti gli altri sesti delle prossime cantiche, è d’importanza capitale nell’economia politica del Poema. Per la prima volta l’autore parla di Firenze. Nel sesto del Purgatorio tratterà dell’Italia e nel sesto del Paradiso dell’impero. A crescendo. Quindi Ciacco è un’occasione per un discorso di ordine politico legato alla città-stato.
Perché mai Dante chiede al concittadino il futuro politico di Firenze? Le anime penitenti non vedono nel presente, ma hanno chiaro il domani (cfr. i versi 100-103 del X canto di questa stessa cantica). E Ciacco predice i tempi avvenire, prossimi: le fazioni si combatteranno, finché i Neri prevarranno, scacciando i Bianchi e con loro Dante. Prima e tremenda previsione dell’esilio. E di nuovo il silenzio. Ma Dante lo incalza: vuole conoscere la situazione di alcuni personaggi che spesero la loro esistenza in difesa della città. Purtroppo, la risposta aggrava la tristezza del poeta, perché Farinata, il Tegghiaio, Mosca, Iacopo Rusticucci, Arrigo (“e li altri ch’a ben far puoser li ‘ngegni”, v.81) sono in Inferno: i meriti politici sono stati insufficienti a salvarli dalla dannazione eterna. Poi, una richiesta del dannato, che sarà simile a tante altre (comprese quelle dei purganti): “Ma quando tu sarai nel dolce mondo,/ priegoti ch’a la mente altrui mi rechi:/ più non ti dico e più non ti rispondo” (v.88-90). La seconda parte del canto tratta del Giudizio Universale. Allora, le anime saranno riunite al corpo, per cui il tormento sarà superiore a quello che soffrono ora.
Questa volta i due passano dal III al IV cerchio parlando molto, e trovano Pluto, custode del giro che ospita gli avari e i prodighi. 

Le nostre scuole di italiano

Scuola di BolognaScuola di FirenzeScuola di MilanoScuola di RomaProfilo TO

Le pillole della Dante

Le pillole della Dante

La Dante al Premio Strega

Premio Strega

Le nostre riviste

Pagine2017 04 s    apice2017 03 s

#dantemania

#dantemania

750 anni di Dante

Dante ha 750 anni, ma noi continuiamo a leggerlo e ci prepariamo, con #Dantemania, alle celebrazioni dantesche del 2021. Inizia nel 2015 il conto alla rovescia per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, uno dei poeti italiani più studiati e amati #italofonia

In primo piano:

ArtWireless

bannerAW

La cultura viaggia senza fili

Progetto online di informazione per l'arte, idea di cultura che viaggia senza fili e prodotto utile al sistema museale pubblico e privato, agli studiosi, ai collezionisti, agli artisti, ai galleristi e a tutti gli amanti della cultura desiderosi di conoscere ciò che accade nel mondo dell'arte.

In primo piano:

I Parchi Letterari®

logoParchiLetterari

Scopri i Parchi Letterari® Italiani

Accade a volte di sognare tra le pagine di un libro; ma che ne direste se ad avvolgersi attorno a voi fosse un intero Parco Letterario? Scopri i nostri percorsi ed itinerari attraverso i luoghi di vita e di ispirazione dei grandi scrittori di tutti i tempi.

In primo piano: