fbpx

Si comincia il 10 giugno con Claudio Strinati e il suo Il giardino dell’arte (Salani). Dal 10 giugno ogni  mercoledì  alle ore 17 su ladante.it e sui canali social

La rassegna Pagine di Storia, in rete da aprile sul sito e sui canali divulgativi della Società Dante Alighieri, si arricchisce ora di un nuovo focus tematico, quello dedicato all’arte e al nostro patrimonio culturale.  

Pagine di Arte ci informerà sui titoli disponibili e sulle ultime uscite nel settore dell’editoria d’arte italiana, proponendo una selezione di saggi, biografie, monografie, romanzi e cataloghi, raccontata dalle vive voci degli autori e dei curatori.

Un comparto, quello dell’editoria d’arte, rivolto certo a un pubblico di nicchia, di amanti e spesso di addetti ai lavori, ma che rappresenta un’eccellenza nazionale, per lunga tradizione e spiccata qualità. Nonostante le difficoltà congiunturali e strutturali degli ultimi anni abbiano particolarmente colpito l’ambito delle pubblicazioni specialistiche, i dati generali indicano peraltro come l’offerta di libri d’arte sia cresciuta e cambiata notevolmente, andando a coprire diversi e nuovi segmenti di domanda e riuscendo in molto casi a cogliere le potenzialità legate alle applicazioni tecnologiche e alla digitalizzazione.

Con Pagine di Arte, online ogni mercoledì dalle 17 sul sito e sui canali social, la Società Dante Alighieri intende dunque supportare e valorizzare le ricerche degli studiosi e la loro opera di divulgazione culturale, oltre che il prezioso lavoro delle case editrici specializzate nel settore.

Il primo appuntamento è con Claudio Strinati e Il giardino dell’arte. Il romanzo di un viaggio fra le meraviglie d’Italia (Salani), un racconto che è insieme una guida e un romanzo di formazione, grazie al quale il lettore potrà guardare con occhi nuovi le meraviglie del nostro Paese. “Lo studio delle arti  - ha dichiarato Strinati nella presentazione - è la palestra della nostra esistenza sul tema dell’attenzione: chi vorrà leggere questo libro farà un percorso molto lungo e articolato che desterà la sua attenzione. Sarà un esercizio della mente e, mi auguro, un divertimento”.

Il calendario di giugno

***

Claudio Strinati è uno degli esperti d’arte più autorevoli e noti in Italia, tra i maggiori conoscitori del Seicento italiano. Nel 2010 ha ideato la mostra su Caravaggio alle Scuderie del Quirinale che, con enorme successo di critica e pubblico, è tra le esposizioni più viste di sempre nel nostro Paese. Nel 2014 ha vinto il Premio Capalbio. Ha all’attivo moltissime pubblicazioni scientifiche, tradotte in francese e in inglese. Ha lavorato per il Ministero per i beni culturali e ambientali ed è stato soprintendente per il polo museale romano tra il 2001 e il 2009. Collabora con diversi quotidiani e ha uno spazio fisso sullo Huffington Post.