Giovedì 30 gennaio 2020, ore 18.00
Galleria del Primaticcio - Palazzo Firenze
Piazza di Firenze, 27 - Roma

Presentazione della rivista
ZEUSI - linguaggi contemporanei di sempre
N.8/9 - Muse/Musei

Saluti di: Alessandro Masi, Segretario Generale Società Dante Alighieri; Giulio Baffi, Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli; Giuseppe Gaeta, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli

Interventi di: Claudio Strinati, storico dell’arte; Clara Tosi Pamphili, Vice Presidente Azienda Speciale Palaexpo; Paolo Conti, “Corriere della Sera”; Marco Tirelli, artista; Marco Di Capua, Direttore “Zeusi”
Modera: Alessandro Masi

ZEUSI - linguaggi contemporanei di sempre è una rivista semestrale d’arte e cultura contemporanea prodotta dall'Accademia di Belle Arti di Napoli, redatta dal suo Istituto di Storia dell’Arte ed edita da Arte’m. Intitolata al leggendario pittore greco, vissuto nella seconda metà del V sec. a.c., è una piattaforma critica e creativa aperta a quanti, tra storici dell’arte, artisti, architetti, esperti di cinema, scrittori, filosofi, giornalisti e studiosi di varia formazione, hanno il desiderio di dare un profilo estetico e intellettuale al nostro tempo. I numeri della rivista sono tematici, così sono usciti titoli dedicati alla Natura, all’Abitare. Un numero di Zeusi si è chiamato Soul, e ha girato intorno ai temi spirituali del nostro tempo. Un doppio numero è stato Sul confine, volume che ha esplorato il senso del limite, in tutte le sue declinazioni. Intitolato al Rinascere, è stato poi il numero successivo, con un tema suggerito da Lea Mattarella, già caporedattrice e importantissima ispiratrice della rivista.
Ora è la volta di un altro numero doppio, intitolato Muse/Musei, che raccoglie le voci di importanti direttori di musei italiani e internazionali e le riflessioni di altre personalità, intorno a un argomento centrale del sistema delle arti attuale. Oltre alle conversazioni con Paolo Giulierini, Angela Tecce, Andrea Viliani, Antonio Natali, Michele Coppola, Cristiana Perrella, Andrés Ubeda de los Cobos, sono state “messe in pagina” le idee, tra gli altri, di Luca Zevi, Alessandro Masi, Edoardo Sassi, Antonio Carnevale, e le opere di artisti come, tra i molti, Fabio Mauri, Aron Demetz, Andrea Boyer, Luca Pignatelli, William Kentridge, Studio Azzurro, Giuseppe Bergomi, Elger Esser, Marco Tirelli, Daniel Buren, Victor Burgin, Jaume Plensa, Thomas Struth, Candida Höfer.
Il leggendario pittore greco Zeusi è il nume tutelare della rivista, perché, come narra l’antico mito, gli acini d’uva da lui dipinti ingannarono anche gli uccelli che tentarono di beccarli: Zeusi simboleggia quindi la potenza dell’illusione e il mistero dell’arte, di tutte le arti di ogni tempo. E’ questa la realtà che costituisce e attiva, come recita il sottotitolo della testata, i «linguaggi contemporanei di sempre», rendendo la rivista «un frammento di mondo elastico, sensibilissimo, che simile a un’antenna parabolica intercetti parecchi segnali, a varie altezze e su diverse onde di frequenza» (Di Capua).
La rivista è distribuita presso librerie, musei, biblioteche, Università e Accademie di Belle Arti.

copertina bassa ZEUSIZEUSI - linguaggi contemporanei di sempre,
Direttore: Marco Di Capua
Vicedirettori: Guglielmo Gigliotti, Marco Rinaldi
Caporedattori: Federica De Rosa, Olga Scotto di Vettimo
Art director: Enrica D’Aguanno; Arte’m Editore, Napoli
Per informazioni: Costanza Pellegrini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).