"Il riconoscimento del Premier Conte alla storia e all'impegno della Società Dante Alighieri in Argentina è per noi motivo di ulteriore incentivo a proseguire nella direzione che abbiamo intrapreso - la diffusione della nostra "Italsimpatia" - e che vede coinvolti i numerosi comitati della Società in questo Paese, i docenti di italiano e gli studenti". Così il Presidente della Società Dante Alighieri Andrea Riccardi ha commentato l'intervento che il Premier Conte ha pronunciato nel corso della Lectio Magistralis tenuta dopo il conferimento del Dottorato Honoris Causa dell’Università di Buenos Aires, in occasione del viaggio argentino per il G20.

Il premier ha ricordato la presenza italiana in Argentina, citando la presenza della rete  della Società Dante Alighieri costituita da oltre 100 comitati, 10.000 soci e 20.000 studenti. “Sono felice - si legge nel testo della Lectio - che il legame tra Italia e Argentina sia vivo oggi e forte più che mai, anche sotto il profilo della formazione e della collaborazione universitaria: 65.000 studenti italiani in Argentina, oltre 100 sedi dell’Associazione Dante Alighieri, 200 accordi tra le varie Università dei due Paesi e un campus dell’Università di Bologna a Buenos Aires, sono tra i dati che mi hanno maggiormente impressionato.”


Con lo scopo di continuare nell'azione di promozione dell'italsimpatia, la promozione della lingua e della cultura italiana in Argentina, la città di Buenos Aires è stata scelta per accogliere l'83° Congresso Internazionale della Dante, in programma nella capitale Argentina dal 18 al 20 luglio prossimi.