Esprimo il mio personale cordoglio per la scomparsa di Claudio Angelini, le cui doti umane e professionali costituiscono memoria collettiva degli italiani. Egli ha rappresentato non solo un volto caro al grande pubblico per la sua competenza di giornalista, ma anche un esempio di stile per la pacatezza con cui era solito raccontare la storia del nostro tempo. Vero appassionato della cultura italiana, scrittore acuto e brillante, lo ricordiamo con affetto quale Presidente del Comitato di New York della Società Dante Alighieri

Il Presidente
Professor Andrea Riccardi