fbpx
 

Matera, 2, 3 e 4 ottobre 2015

La città di Matera, Patrimonio Unesco dal 1993 e Capitale europea della cultura nel 2019, sarà lo scenario per un'iniziativa speciale: una lettura corale della Divina Commedia a cui parteciperanno centinaia di persone.

In occasione del 750° anniversario dalla nascita del Sommo Poeta, la Società Dante Alighieri e l’Associazione “Comitato Promotore Club Unesco Matera” hanno siglato un protocollo d’intesa per celebrare il padre della lingua italiana. Il Segretario Generale della Società Dante Alighieri, Alessandro Masi, sottolinea lo stretto rapporto che lega l’istituzione al territorio, ricordando che «in Basilicata, ad Aliano e a Tursi, sono presenti due Parchi Letterari®, parte della nostra rete, dedicati a Carlo Levi e Albino Pierro». Proprio a Matera, inoltre, la “Dante” ha visto recentemente nascere un nuovo Comitato, che sarà presto presentato al pubblico.

In città e «durante la Festa della Bruna 2013 – prosegue Masi – abbiamo girato alcuni episodi del nostro film “In Viaggio con Dante”. Con questo lavoro, di cui a breve pubblicheremo la terza e ultima parte, proponiamo una lettura peculiare del rapporto tra Dante Alighieri e il territorio italiano contemporaneo.» Con le etichette #Dantemania e #Dantemania100 proseguono le celebrazioni che quest’anno la Società Dante Alighieri dedica al Sommo Poeta.

Il C.P. Unesco di Matera, nato di recente su iniziativa del club padrino del Vulture e con l’assistenza e l'affiancamento del vicino Club Unesco di Ginosa, fa parte della Federazione Italiana Club Unesco. Apre le sue attività in stretta collaborazione con lo storico Circolo Culturale "La Scaletta" cui è legata da un protocollo d'intesa, e che già in passato ha collaborato con la "Dante" su iniziative comuni. La prima attività pubblica del C.P. Unesco sarà proprio “Matera InCanta Dante”, che in coerenza con lo statuto Unesco si dà l’obiettivo di costruire «sedimenti di pace nel cuore degli uomini attraverso la diffusione dell’opera poetica di Dante Alighieri, che sarà letta dall'intera comunità chiamata a rappresentare la Cultura per il 2019».

Questa lettura diffusa della Divina Commedia mira ad una riappropriazione popolare dell’opera, nell’arco di tre giornate e in luoghi e orari diversi, che richiamano in modo speciale le suggestioni di ciascuna delle tre cantiche. L’evento, arricchito da video girati da luoghi nevralgici della città, vuol essere un esempio di cultura partecipata, sostenibile e trasformativa.

 

Un anno speciale per il Parco Letterario Carlo Levi di Aliano. Nel 2015 ricorrono infatti i 70 anni dalla pubblicazione del "Cristo si è fermato a Eboli", dove si parla anche di Matera, 80 anni dal confino di Levi e 40 dalla sua morte.