fbpx

Si aprirà, tra poco meno di un mese, la prima Settimana della Cucina italiana nel mondo. In programma dal 21 al 27 novembre, promossa dal Ministero degli Esteri in collaborazione con il Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali, vedrà coinvolti tutti gli attori pubblici e privati che rappresentano la cucina italiana di alto livello e l'Italia nel mondo, e tra questi la ‘Dante’, Almeno 55 Comitati della ‘Dante’ promuoveranno iniziative specifiche, in ben 32 Paesi. Gli eventi della Settimana della cucina coinvolgeranno 105 Paesi in tutto il mondo, dove si organizzeranno circa 1.300 eventi dedicati al gusto italiano.

Ieri a Villa Madama (Roma) si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, alla presenza dei Ministri Paolo Gentiloni (MAECI) e Maurizio Martina (MiPAAF) “Si tratta – ha spiegato il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni aprendo la presentazione – di una grande operazione diplomatica, politica e culturale. Noi sappiamo che dietro al marchio del gusto italiano c’è un mondo straordinario. Un mondo che ha un’importanza economica, abbiamo 37 miliardi di export in questo campo e il nostro obiettivo è di arrivare a 50 miliardi entro il 2020. È uno dei settori dell’export cha vanno meglio. Vi è anche un valore culturale perché tutto il mondo associa l’idea di bellezza italiana, di cultura, di tradizione e di storia all’idea della nostra cucina. È difficile non vedere questo collegamento in tante parti del mondo”.

“Questo evento – ha proseguito il Ministro Martina – rappresenta un’occasione per fare buona diplomazia. Nell’esperienza di Expo abbiamo capito che il cibo è un grande fatto politico che accompagnerà i prossimi anni della discussione internazionale e che ci dà la possibilità di raccontare l’Italia. Dobbiamo – ha concluso Martina – ancorare sempre di più e meglio questi lavori al tema fondamentale della tutela dei nostri produttori, ovvero ancorare tutti questi sforzi di racconto e rappresentatività della buona cucina italiana nel mondo alla grande tematica delle nostre tipicità, delle nostre produzioni e delle tante realtà che nei territori rappresentano lo scheletro fondamentale di riferimento dell’agroalimentare italiano.”

Per una settimana i cuochi e anche i maestri pasticceri e i gelatai diverranno così ambasciatori dell’Italia nel mondo perché, ricorda Cristina Bowerman, chef e Presidente Associazione Ambasciatori Italiani del Gusto “Il cuoco ha la responsabilità sociale di raccontare un territorio”.

Gli eventi
La Settimana della Cucina italiana nel mondo diventerà un appuntamento fisso in agenda, grazie a iniziative che diverranno permanenti. Per questa prima edizione l'appuntamento prevede più di 1.300 eventi in 105 Paesi nel mondo: per conoscerli basta consultare il link indicato sotto oppure seguire l'hashtag ufficiale #ItalianTaste.