fbpx

Riccardi: 'La lingua italiana, risorsa per il futuro e non reliquia del passato'.
La Dante tra i protagonisti degli Stati generali della lingua italiana

Il 17 e 18 ottobre, a Firenze, si sono svolti gli Stati generali della lingua italiana nel mondo. Il Vice Ministro degli Esteri, Mario Giro, coordinatore dei lavori, in questa occasione ha ricordato che l'italiano è la 'lingua del sì', citando il De vulgari eloquentia di Dante. L'italiano è una 'lingua bella, coinvolgente e fortemente identitaria'. Lo ha confermato il Sindaco di Firenze Dario Nardella rivolgendosi al pubblico che affollava la Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Lingua della musica e dell'arte, l'italiano si promuove 'con i percorsi di formazione ma anche grazie alla televisione'. Proprio a Firenze sono stati ambientati e recentemente realizzati sia il film 'Inferno' di R. Howard che la serie televisiva 'I Medici', andato in onda con la sua prima puntata martedì 18 ottobre su Rai 1.

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha rilanciato la 'gigantesca scommessa culturale'. Bisogna puntare sulle eccellenze italiane, con una sfida che l'Italia dovrà saper vincere non solo grazie alle industrie culturali ma con l'impegno di tutti. Renzi ha parlato anche della centralità dei percorsi della formazione e del sempre più intenso impegno della televisione pubblica nella promozione linguistica e culturale.

Monica Maggioni, Presidente Rai, ha puntato l'attenzione sulle nuove tecnologie, presentando l'app #RaiPlay, che viene scaricata dall'estero almeno nel 10% dei casi. Parlando della lingua come piattaforma di incontro 'per chi arriva sulle nostre coste ma anche per coloro che si trovano all'estero', infine, Maggioni ha invitato tutti i presenti a riflettere sulla lingua italiana come 'luogo in cui ci si incontra e si costruiscono modelli diversi da quelli dello scontro e della paura.'

Il Presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi ha aperto il suo intervento parlando della lingua italiana come 'risorsa per il futuro e non reliquia del passato'. Bisogna passare 'da un approccio legato all'ital-nostalgia ad una visione di #italsimpatia, capace di determinare ripercussioni importanti sull'economia turistica', perché la lingua italiana è 'veicolo e non solo contenuto'. 'Il quinto paese al mondo per l'insegnamento dell'italiano è l'Egitto', ha concluso Riccardi, guardando a un'area oggi protagonista di equilibri demografici e geopolitici che impongono 'un salto culturale per una nuova promozione linguistica di qualità, fatta di professionalità più che di volontarismo'.

Ascolta l'intervento integrale del Presidente Riccardi
(registrazione di Radio Radicale)

Il Ministro per l'Istruzione Stefania Giannini a sua volta ha sottolineato l'importanza di sviluppare il senso critico, soprattutto nei giovani, perché sappiano selezionare tra le molte fonti disponibili quelle affidabili. Parlando di un 'cambiamento epocale nell'apprendimento', il Ministro ha ricordato l'attuale impegno del Governo nella 'politica estera della cultura' , ricordando che l'italiano è la 'quarta lingua più studiata nel mondo, dopo l'inglese, lo spagnolo e il cinese'.

La prima giornata è proseguita con una lettura di brani da Boccaccio, Dante e Petrarca a cura di P. Favino e con dibattiti, tavole rotonde e altre iniziative di cui si può prendere visione nel programma dell'iniziativa.

'La lingua è il vettore di valori identitari espressione della cultura di un popolo'. Con un intervento dedicato a 'italofonia e italofilia, percorsi sempre più paralleli e fra loro interconnessi, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che segue con grande partecipazione le iniziative legate alla promozione della cultura e della lingua italiana, ha concluso i lavori degli Stati generali della lingua italiana, martedì 18 ottobre alle 13. 'Non è di oggi la riflessione sulla pluralità di linguaggi che hanno accompagnato la diffusione della lingua italiana nel mondo' ha tra l'altro ricordato il Presidente.

L'intervento del Presidente Mattarella è interamente disponibile nel sito del Quirinale.

Gli Stati generali della lingua italiana si sono aperti in concomitanza con l'avvio della XVI Settimana della lingua italiana nel mondo (17 – 23 ottobre 2016), su L’italiano e la creatività: marchi e costumi, moda e design'. Prossimamente pubblicheremo una rassegna estesa con gli eventi realizzati dai nostri Comitati.

Il programma della XVI Settimana della lingua italiana

Presentato il Portale della lingua italiana
Vincenzo De Luca, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Esteri, il 17/10 ha presentato il Portale della Lingua italiana nei lavori degli Stati generali. L'idea di un portale che potesse 'raccogliere e rendere accessibili dati, informazioni e approfondimenti utili sull'insegnamento della lingua italiana all'estero provenienti dai vari soggetti attivi nell'ambito della sua promozione' era nata nella prima edizione degli Stati generali, che il Direttore De Luca ha definito un 'processo di sistema che intendiamo alimentare con lo sforzo ed il contributo di tutti'.

Nell'anno accademico 2014/2015 ben 2.233.373 studenti, in 116 Paesi, hanno studiato la nostra lingua. Oltre 400.000 in più, nel 2015/2016, quelli che hanno scelto di studiarla nelle scuole locali e 'nelle scuole di lingua, nelle associazioni, nei corsi erogati dagli Enti gestori, nelle università, nei Comitati della Dante Alighieri, negli Istituti Italiani di Cultura e nelle scuole italiane all'estero'.

Il Portale della lingua italiana nel mondo è stato realizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (DGSP), in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. A queste “sentinelle” autorevoli si sono affiancate, insieme alla rete diplomatico-consolare e gli Istituti Italiani di Cultura all’estero, anche gli enti certificatori per la lingua italiana e le istituzioni elencate nel portale, tra le quali figura anche la Società dante Alighieri.

Visita il Portale della lingua italiana nel mondo
https://www.linguaitaliana.esteri.it/