fbpx

19-20 ottobre 2016 - Giornate di studio in occasione della pubblicazione del Lessico crociano. Un breviario filosofico-politico per il futuro, a cura di Rosalia Peluso (La scuola di Pitagora editrice, Napoli 2016).

19 20 AnniversarioCroce

Cosa resta di Benedetto Croce? Con la consapevolezza che uno dei più grandi e influenti pensatori del Novecento italiano possa aiutarci a capire l'Italia del passato in funzione dell’attuale, la Società Dante Alighieri, in collaborazione con l'Università degli Studi di Napoli Federico II e l'Università degli Studi di Roma Tre, ha promosso due giornate di studio sulla figura dell’intellettuale che ha saputo coniugare la passione per la cultura con l'impegno politico e civile. 

Le giornate di studio si inseriscono nell’ambito del 150° anniversario della nascita di Benedetto Croce, nell’anno che ha visto la pubblicazione del progetto di ricerca durato 3 anni del Lessico crociano. Un breviario filosofico-politico per il futuro, a cura di Rosalia Peluso con la supervisione di Renata Viti Cavalieri.

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre alle 17,30, a Palazzo Firenze (Piazza di Firenze 27 – Roma), sede della Società Dante Alighieri; sarà il Presidente Andrea Riccardi ad aprire i lavori. La Società ha dedicato all’anniversario crociano il numero 2/2016 della rivista Apice; ne parlerà il Vicepresidente Paolo Peluffo il quale approfondirà il tema in un confronto critico sul pensiero del filosofo insieme agli altri relatori presenti: il prof. Lucio Villari (Dante e Croce), il prof. Giulio Ferroni (Ritrovare Croce: estetica e critica letteraria) e il prof. Paolo D’Angelo (Il “problema” Croce). Le conclusioni della prima giornata saranno a cura di Piero Craveri, Presidente della Fondazione Biblioteca Benedetto Croce.

Giovedì 20 ottobre i lavori proseguiranno nella sede dell'Università Roma Tre nella tavola rotonda aperta dai saluti di Marta Herling, Segretario Generale dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici B. Croce, e presieduta dal Prof. Paolo D'Angelo, Università degli Studi Roma Tre.