fbpx
Scriveva Carlo Levi nel “Cristo si è fermato ad Eboli”: 
Venivano a grandi salti, e urlavano come animali inferociti, esaltandosi delle loro stesse grida. Erano le maschere contadine . Portavano in mano delle pelli di pecora secche arrotolate come bastoni , e le bandivano minacciosi , e battevano con esse sulla schiena e sul capo tutti quelli che non si scansavano in tempo ..
 
Seguendo la suggestiva strada dei calanchi, nel paesaggio unico che avvolge il paese del confino di Carlo Levi, anche quest’anno si potrà vivere uno dei riti della tradizione lucana più antichi e suggestivi: il Carnevale di Aliano. E’ un carnevale che non ti aspetti e ti coinvolge per la forza e il sentimento profuso dai suoi protagonisti: gli abitanti di Aliano.  Le maschere cornute costruite con le sapienti mani degli artigiani, i coloratissimi cappelli che cercano di smorzare le maschere che a volte appaiono minacciose sfilano per le strade del paese accompagnate dalla musica delle fisarmoniche e della cupa cupa.
 
Per rivivere quelle atmosfere e quelle suggestioni, ovviamente con lo spirito allegro del Carnevale, da domenica 7 febbraio segnaliamo il programma:
Alle ore 16.00 in Piazza Roma la sfilata delle "maschere cornute" accompagnata dalla musica e dal folkore antico del paese dei calanchi.
Martedì 9 febbraio (Ore 16.00) in Piazza Roma la sfilata delle "maschere cornute" di Aliano con la partecipazione delle antiche maschere del borgo di Tricarico accompagnate dalla musica tradizionale e "condite" con i tipici prodotti della cucina lucana.
Più tardi nalla sala Convegni da non perdere la tradizionale "A FRAS", una Commedia improvvisata sul Carnevale in dialetto alianese.
 
Segnaliamo poi, in concomitanza con il periodo carnascialesco, l’uscita del libro fotografico “I Figli di Lamisco”, una raccolta delle più belle foto delle maschere arcaiche dell’artista Nicola Toce, ispirate dai personaggi (folletti, spiriti, animali totemici) che “imperversano” nel carnevale lucano.
 
 
In Toscana, a Castagneto, nel Parco Letterario intitolato a “Giosue Carducci” segnaliamo poi per domenica 31 Gennaio l’apertura di tutti i musei (tra cui il Museo dell’olio) dalle ore 15.00 alle ore 18.00 in concomitanza con il Carnevale che sfilerà nel centro storico di Castagneto Carducci. 
L’Evento è organizzato dall’associazione Orti di Castagneto e si propone di animare il borgo carducciano con sfilate in maschera, musica.