fbpx
Verona. Per la prima volta un Presidente della Repubblica taglia il nastro inaugurale del Vinitaly, una delle fiere internazionali più importanti del nostro Paese, meta di migliaia di espositori, aziende, amanti del bere bene e del "made in Italy".
Un'edizione speciale, aperta dal Presidente Mattarella, in cui si celebra il cinquantesimo anniversario della manifestazione più conosciuta del settore enologico nazionale e tra le prime a livello mondiale.
Germogliata 50 anni fa quando a Verona, dalla Fiera internazionale dell'agricoltura, presero avvio le "Giornate del vino italiano". Un "giubileo" del vino made in Italy che si prefigge due obiettivi importanti: promuovere l'eccellenza vitivinicola nazionale e conquistare nuovi spazi di mercato all'estero. Con il sostegno del ministero delle Politiche Agricole, di quello dello Sviluppo economico e dell'Ice, l'Istituto per il commercio estero.
 
Anche quest'anno il programma è ricco di appuntamenti: convegni e focus per presentare analisi sul mercato interno e su quello estero; degustazioni tematiche ed incontri con il contributo di esperti; grande attenzione alla cucina con la presenza di chef stellati. Sono attesi oltre 4mila espositori e si prevede un'affluenza di oltre 150mila visitatori professionali. Quest'anno poi saranno limitati gli accessi al pubblico generalista e sarà accentuato l'aspetto business della manifestazione, facilitando gli incontri fra operatori e buyer.
 
Per tutte le informazioni wwww.vinitaly.com