fbpx

Si svolgerà sabato 20 e domenica 21 febbraio al “Foro Boario” di Modena la nona edizione del “Modena Buk Festival”, manifestazione che la città emiliana dedica alla piccola e media editoria. Diretto da Francesco Zarzana, il festival coinvolgerà oltre 100 case editrici, proponendo al pubblico 60 incontri – tra letture, eventi e conferenze – con un percorso che spazierà fra cinema e letteratura.

Giunto ormai alla sua nona edizione il “Modena Buk Festival” continua a rafforzarsi, attirando anno dopo anno nuovi espositori e pubblico proveniente da tutte le regioni d’Italia. L’edizione 2016, in particolar modo, nasce dalla volontà di coinvolgere e valorizzare uno spirito letterario europeo, accendendo i riflettori sulla produzione di due autrici svizzere francofone: Mélanie Chappuis e Marie-Christine Horn. Come le precedenti edizioni, anche le biblioteche comunali parteciperanno attivamente alla due giorni di manifestazione, ospitando nel corso della prima giornata un convegno dedicato alla creatività femminile nell’era digitale. Tra le novità, invece, della nona edizione ci sarà l’elaborazione di un programma specifico di attività rivolte ai bambini, intitolato “BuKids”, con laboratori, favole e incontri destinati ai più piccoli.

“Modena Buk Festival” 2016 dedicherà, infine, un incontro alla giornalista Federica Angeli, dal 2013 costretta a vivere sotto scorta per il suo impegno contro le mafie, che presenterà al pubblico il volume “Io non taccio”, vincitore del “Premio Borsellino” 2016. Giornalista del quotidiano “La Repubblica”, Federica Angeli è sotto scorta in seguito alle minacce subite per le inchieste relative alla penetrazione della criminalità organizzata nel municipio di Ostia.