fbpx

Prossimi

Belluno 7 febbraio
Il Comitato propone un nuovo appuntamento con la Lectura Dantis, con la conferenza dal titolo “Inferno: Ciacco, Farinata degli Uberti, Pier de le Vigne”.

Catania 23 e 25 gennaio
(23/01) Presentazione del libro “La litania del potere e altre illusioni” di Rosalba Galvagn, a cura di Novella Primo con la moderazione di Dora Coco e la lettura di alcuni estratti per voce dell’attrice Ersilia Saverino. (25/01) Conferenza dal titolo “Le rotte di Ulisse: racconto per immagini aeree della Sicilia” a cura di Luigi Nifosì in dialogo con Dario Stazzone.

Forlì Cesena 8 febbraio
Elisa Curti, Boccaccio tra amori e amicizia. L’incontro sarà dedicato ad una panoramica delle diverse forme di amore presenti nelle opere in volgare di Boccaccio: dal sentimento più nobile e puro alla passione travolgente, fino all’erotismo più scanzonato e beffardo. Si proporranno esempi tratti sia dalle opere della giovinezza (Filocolo, Filostrato, Teseida), sia dalle cento novelle del Decameron, con una particolare attenzione all’Elegia di madonna Fiammetta, il primo romanzo della letteratura italiana in cui la voce narrante è femminile. Accanto all’amore, in molti casi indissolubilmente legato ad esso, il tema dell’amicizia è al centro della riflessione boccacciana: anche di questo e delle sue multiformi manifestazioni – che attraversano tutti i livelli sociali e le latitudini – si cercherà di offrire un’esemplificazione e una chiave di lettura.

Roma 6 febbraio
“La nascita delle avanguardie: espressionismo tedesco e francese”
Espressionismo nella varietà di segni e linguaggio, è questo il luogo d’incontro delle forme più trasgressive e violente del secolo in arte. Movimenti quali Cubismo e Futurismo a loro volta si inseriscono nella cosiddetta “linea analitica” del Novecento. A questi argomenti sarà dedicato l’incontro-conversazione del 6 febbraio, presso il Comitato Dante di Roma. Il tema della serata si concentrerà sulle due matrici culturali che identificano l’Espressionismo in Europa: quella francese e quella tedesca. Con l’analisi di questi bacini di incubazione della poetica espressionista saranno evidenziati gli sviluppi dell’arte figurativa. Non i relativi esiti sono stati opposti. Lo scopriamo seguendo il percorso biografico e professionale di personalità come Matisse e Kandinskij. La conversazione giunge fino ai tempi degli ultimi interpreti di quella medesima linea espressiva che aveva inaugurato il Novecento: Francis Bacon e Anselm Kiefer. A cura di Fulvia Strano.

Rovigo 3 febbraio
“Il volto femmininile nell’Inferno di Dante e nella società moderna”: il percorso propone alcune delle molte figure di donna collocate da Dante all’inferno. Ma che volto hanno assunto nella società di oggi le donne? Quale “inferno” le accoglie? Quali le loro colpe e le loro pene? Un tributo non da poco ai volti femminili attraverso i quali si può riflettere sulla complessità del ragionamento dantesco su colpa e pena, sul destino di redenzione o dannazione, che, in questo come in altri caratteri del poema, esprime la profonda modernità del classico e la sua attualità.

Torino 7 febbraio
Insieme all’associazione Cromie - Vivere a Colori, il Comitato presenta l’incontro con il regista Louis Nero e gli attori Diego Casale e Diana Dell’Erba.
Louis Nero, reduce dal successo internazionale del suo ultimo film The Broken Key, è anche l’autore del film Il Mistero di Dante, un film di Louis Nero, interpretato dal Premio Oscar Murray Abraham, di cui verranno proiettate alcune parti. Gli attori, Diana Dell’Erba e Diego Casale sono interpreti di entrambi i lavori del regista. A introdurre e guidare l’incontro sarà Helen Alterio, prof.ssa di Lettere del Liceo Majorana di Moncalieri, nonché coautrice del lavoro teatrale “E quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Trieste 8 febbraio
“La letteratura italiana d’oltre Adriatico”
Incontro con il prof. Giorgio Baroni, il quale, prendendo spunto da alcune sue recenti pubblicazioni illustrerà la vita letteraria italiana in Istria e Dalmazia nei suoi rapporti con quella nazionale dalla caduta della Serenissima alla cessione di queste regioni alla Jugoslavia dopo il 1945.

Passati

Bergamo 29 gennaio
“Tra fame e sazietà” per “incontri con la Dante”
Oggi il rapporto con il cibo sembra diventato più facile ed invece si fa più complesso: la letteratura ci racconta i percorsi che il cibo ha fatto nella storia, nella società, nella nostra esistenza. Il percorso, individuato da Aide Bosio, parte dalla morte per fame del Conte Ugolino e dei figli, pagina drammatica a cui fa da contrappunto quella comica di Ivan Levrini, scrittore emiliano che ci racconta la fuga dalle abbuffate del Natale. Poi le pagine di A.Manzoni, la generosità nei libri di G.Bedeschi e di P.Levi. Insieme a Marcovaldo di I.Calvino si farà dapprima una gita al Supermarket, poi l’epigenica di A.Pascale e la fascinazione del frigorifero da S. Bonvissuto. Pagine conosciute e sconosciute interpretate da Aide Bosio e commentate da brani musicali a cura di Lorenzo Tassi e Marco Mazzoleni.

La Spezia 27 gennaio
Gli allievi e allieve del Conservatorio Musicale “Giacomo Puccini” hanno proposto il tradizionale “Concerto della Bandiera”, che rinnova il legame del Comitato con la Manina Militare, nel il 105° anniversario del dono della bandiera di combattimento alla R.N. Dante Alighieri nel 1913, conservata presso il Museo Navale.

Trieste 23 gennaio
Il Comitato, nell’anno di celebrazione del centesimo anniversario dalla sua fondazione, ha dato appuntamento ai soci per la lectura dantis del Canto XXV del Purgatorio, con la partecipazione del prof. Stefano Di Brazzano. Laureato in lettere classiche presso l’università di Trieste e perfezionato in latino umanistico presso la Scuola Normale di Pisa, il prof. Brazzano insegna lettere latine e greche presso il liceo “F. Petrarca” di Trieste ed è autore di diverse pubblicazioni sulla latinità antica e umanistica.

Salerno 27 gennaio
In occasione del Giorno della Memoria il Comitato ha tenuto un incontro presso il Liceo Statale Alfano I. Sono intervenuti: la prof.ssa Elisabetta Barone, la prof.ssa Pina Basile, la prof.ssa Anna Procida e il prof. Francesco Fiume.