fbpx

La fiera dell’editoria per ragazzi di Bologna si avvicina e, a un mese dalla sua inaugurazione (4 aprile), la giuria designata ha attribuito i Premi digitali destinati a gratificare i migliori lavori candidati, che quest’anno sono stati oltre 170 provenienti da ben 30 paesi.

02 BolognaFieraAl Premio possono accedere gli editori che sviluppino prodotti editoriali e applicazioni mobili rivolte a bambini e ragazzi (2-15 anni), un settore molto interessante del mercato che anche negli anni di sua contrazione ha rappresentato un traino per il sistema del libro. Ed è proprio in quella fascia di mercato, in cui rientrano i cosiddetti “nativi digitali”, che l’attenzione all’innovazione degli strumenti, dei linguaggi e dei contenuti può trovare terreno fertile.

Nessun italiano, purtroppo, tra i vincitori (bisogna guardare tra le menzioni speciali per trovare Lucas Zanotto, nato in Italia, con Loopimal della finlandese Yatatoy): il Premio per la sezione Fiction è stato assegnato a Wuwu & Co. - A magical picture book, pubblicato dalla danese Step In Books mentre quello per la Non Fiction è andato a Math Doodles degli Carstens Studios (USA) per l’applicazione Attributes. Nel primo prodotto i giurati (tra cui il direttore dell’americana Children's Technology Review e quello dell’olandese New Media Department-Cinekid, l’illustratrice italiana Valeria Petrone e il fondatore 02 BolognaFiera2dell’inglese Touchpress Ltd) hanno riscontrato una "storia innovativa" e un uso della tecnologia che consente di esplorarla "in modo non lineare"; il secondo è stato invece premiato perché “trasmette al bambino il messaggio che la matematica è qualcosa di bello che può essere presentato senza particolari stratagemmi”.

Ai premiati sarà concesso l’uso del logo per la comunicazione e il sostegno nella diffusione e promozione del progetto editoriale da parte della Fiera.

www.bookfair.bolognafiere.it/