177 mila opere, la più importante collezione di disegni al mondo finalmente fruibile agli studiosi. È la nuova sala studio del Gabinetto Disegni e Stampe delle Gallerie degli Uffizi collocata al piano nobile dell’edificio, presso i locali dell’ex Teatro Mediceo. La nuova sala studio, dotata di biblioteca e fototeca, è nata grazie al generoso contributo (368mila euro) della Fondazione Friends of Florence e il resto per un ammontare di circa un milione grazie ad un accordo ratificato nel 2013 dalla presidente Simonetta Brandolini d’Adda, con la ex Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini. Con un indotto annuale di più di 1200 studiosi era necessario creare una struttura per poter accogliere la crescente domanda di consultazione. Fu il Cardinale Leopoldo de' Medici, intorno alla metà del XVII secolo a radunare il primo nucleo della raccolta attuale, dopo la sua morte avvenne il trasferimento da Palazzo Pitti agli Uffizi. La collezione da quel momento si è costantemente arricchita e fino a oggi continua ad incrementarsi con opere di artisti contemporanei. A caratterizzare la sua eccellenza è la presenza di una cospicua presenza di disegni dei geni dell’arte rinascimentale come Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello. La Direttrice del Gabinetto Disegni e Stampe, Marzia Faietti, ha dichiarato: “Negli anni futuri il compito che ci prefiggiamo è quello di promuovere lo studio e la ricerca sui materiali grafici secondo due direzioni principali, la prima delle quali è quella della consultazione in loco, la seconda, invece, riguarda la possibilità di accedere alle collezioni di grafica estesa a quanti siano interessati attraverso la digitalizzazione delle immagini e la schedatura on line dei disegni, avviate da qualche tempo con il progetto Euploos”.