fbpx

Ci siamo abituati a conoscere il mondo leggendo, raccontando o scrivendo. Ma il mondo si conosce anche e soprattutto camminando. Il 28 e 29 novembre 2015 approda a Matera un progetto itinerante che si propone di 'approfondire i temi di un nuovo Meridione finalmente libero dagli stereotipi della sconfinata Gomorra criminogena e del folklore mediterraneo tutto tarallucci e pizzica."

Si chiama  'Tu non conosci il Sud' e si propone, attraverso una serie di incontri e percorsi culturali, di incontrare luoghi e cittadini per restituire loro una concretezza 'simbolica'. 

Gestita dall'associazione Veluvre – Visioni Culturali (con la direzione artistica di Oscar Iarussi) e partita da Bari un anno fa, la manifestazione conta tra i suoi partecipanti Rocco Papaleo, Sergio Rubini, Roberto Cotroneo e la mostra del fotografo Ferdinando SciannaIl Sud e le donne”. 

Due giorni di riflessioni saranno sufficienti per spettacolarizzare il Meridione? Non è solo carenza di infrastrutture e crisi economica, ma nemmeno soltanto panorami indimenticabili, non gli basta una storia che si respira anche nelle facciate cadenti delle zone colpite dai terremoti, e nemmeno uno stile di vita premiato dall'Unesco con l'iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale. Il sud non è 'solo' eroi e briganti, terre da domare e grande afflato poetico.

Si tratta di un concetto molto più ampio, che tocca tutti gli angoli del pianeta. Per parlare di questo sud allargato, nella manifestazione materana sarà proposta l'anteprima del film Mediterranea al quale il “New York Times” ha dedicato un articolo alcuni giorni fa. L'opera è nella finale del Lux Prize del Parlamento europeo. Il regista del film è l'italo-americano Jonas Carpignano, che ha recentemente deciso di lasciare New York per trasferirsi nel nostro Meridione.

Un cammino, il suo, che attraversa l'oceano così come fanno molti americani per venire a studiare l'italiano e conoscere l'Italia. Ne abbiamo parlato sabato scorso, qui. Un altro cammino, di certo più faticoso, è quello del regista Guido Morandini, il “comunicatore errante”. Tra le attività del progetto c'è anche una sua lunga passeggiata, iniziata a Roma e diretta verso la città dei Sassi, dove arriverà il 28 novembre. 

Le informazioni complete del progetto sono disponibili in questo sito e sotto l'hashtag #tunonconosciilsud. Con il patrocinio di MIBACT, Comune di Matera, Fondazione Matera-Basilicata 2019, Fondazione con il Sud, Fondazione Adriano Olivetti.



VN