fbpx

Inizia con una buona notizia che riguarda il grande schermo il 2017: l’edizione di gennaio dell’iniziativa Cinema2day del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha superato 1 milione e 130 mila persone coinvolte, il numero più alto dalla sua istituzione nel mese di settembre 2016 (al primo appuntamento coinvolse circa 600 mila persone), a cui corrisponde un ricavo di 2,3 milioni di euro.

L’attenzione dei consumatori culturali, le cui abitudini sono state descritte dal recente Annuario Istat 2016 (consultabile quiun italiano su cinque non legge giornali, non visita mostre e musei, non legge neanche un libro all’anno) nei confronti della “settima arte” è crescente: nonostante le tecnologie consentano di accedere a palinsesti sempre più ricchi in televisione e tramite computer, il numero degli spettatori in sala è costantemente e significativamente cresciuto nel corso degli ultimi anni (secondo dati Mibact nel 2016 all’incirca del 9% sull’anno precedente e del 19% sul 2014, con proporzionale incremento dei ricavi).

Il progetto, sviluppato dal Mibact in collaborazione con le associazioni del settore (Anica, Anem e Anec), consente a tutti gli spettatori di accedere a tariffa agevolata (2 euro) a tutti gli spettacoli in oltre 3 mila sale in tutta Italia, ogni secondo mercoledì del mese fino al prossimo febbraio, salvo proroghe.

Il progetto si inserisce in una strategia complessiva di rilancio del settore cinematografico, che trova espressione nella Legge cinema e audiovisivo (che include interventi di sostegno alle produzioni e alle distribuzioni, alle nuove sale e al restauro di quelle storiche, ne abbiamo parlato QUI) nonché nella scelta del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale di dedicare al tema L’italiano al cinema. L’italiano nel cinema la prossima edizione della Settimana della lingua italiana nel mondo.

Maggiori informazioni su Cinema2day

13 cinema2day

[Crediti immagine di copertina: Valentine Svensson]