È stata inaugurata ieri, 27 settembre, con la presenza del ministro dei Beni culturali e del turismo Dario Franceschini e sarà visitabile dal 29 settembre presso Villa Bardini a Firenze la mostra “La Divina Commedia di Venturino Venturi”.

La mostra offre al visitatore un percorso di rilettura contemporanea del capolavoro dantesco attraverso le opere di Venturino Venturi alternate a estratti del Poema selezionati dal poeta Mario Luzi e ologrammi, accompagnata dalla voce-guida dell’attore Pierfrancesco Favino.

Già nel 1984 i due artisti e amici avevano dato vita a un’edizione illustrata della Divina Commedia per i tipi della Pananti di Firenze: Venturi in quell’occasione realizzò 63 tavole dal formato 100x70 per inseguire il filone tracciato da Luzi attraverso le tre cantiche con la sua selezione di terzine. Venturino Venturi è scomparso nel 2002 e Mario Luzi nel 2014; la mostra odierna rievoca quel sodalizio che portò all’edizione della Commedia esponendo 54 delle 63 tavole, arricchendo l’esperienza con la voce narrante e le tecnologie multimediali.

28 VenturiLa mostra, che sarà visitabile fino al 27 febbraio e il cui ingresso è libero (anche la villa nel periodo di esposizione sarà visitabile gratuitamente), è stata curata da Lucia Fiaschi e sostenuta dal programma “Valore Cultura” di Generali, dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, dalla Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, dal Comune di Firenze e dalla Società Dantesca Italiana con il coordinamento di Arthemisia Group. Un’attenzione speciale è dedicata alle scuole: agli insegnanti che ne facciano richiesta sarà messo a disposizione del materiale di preparazione degli studenti alla visita e un calendario di conferenze, con focus sul rapporto tra Dante e l’arte contemporanea.

[Immagini da www.facebook.com/villabardini/]

a.c.