Di Andrea Ciarlariello

“Italiano lingua viva” è stato il tema trainante della seconda edizione degli Stati Generali della lingua italiana nel mondo, che ha avuto luogo nel prestigioso Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze, il 17 e il 18 ottobre, a simbolica inaugurazione della XVI Settimana della lingua italiana nel mondo (17 – 23 ottobre 2016; un approfondimento LINK).

La due giorni di lavori, che costituisce la terza tappa di un percorso avviato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nel 2014, con la prima edizione degli Stati Generali, e proseguito nel 2015, con “Riparliamone: la lingua ha valore”, è stata aperta dagli interventi dell’on. Mario Giro, Vice Ministro agli Affari Esteri, del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, del Sindaco di Firenze Dario Nardella, del Presidente della RAI Monica Maggioni e del prof. Andrea Riccardi, Presidente della Società Dante Alighieri, il quale ha richiamato il concetto-chiave di “italsimpatia”, più volte affermato, che vede la lingua e la cultura italiana centrali per l’estroversione del Paese e delle sue aziende, superando la chiusura di una visione nostalgica, limitata agli italofoni. Si tratta di un salto culturale per il quale è necessaria una convergenza dei diversi soggetti che promuovono l’italiano nel mondo, perché la nostra lingua è una risorsa...

L'articolo è disponibile in forma integrale solamente per i Soci abbonati a "Pagine della Dante" e "Apice".

La preghiamo di effettuare l'accesso all'area riservata o di sottoscrivere un nuovo tesseramento.


Se è già Socio della Dante, ma non è in possesso delle credenziali per accedere all'area riservata la preghiamo di compilare questa scheda.