logo comunicatoAdotta

Roma, 6 febbraio 2017

COMUNICATO STAMPA
La Società Dante Alighieri
annuncia la campagna social per la canzone italiana
#AdottaUnaCanzone


In concomitanza con il 67° Festival di Sanremo, la Società Dante Alighieri presenta ‘Adotta una canzone’, campagna social di promozione della canzone italiana. L’iniziativa si sviluppa su Beatrice (www.beatrice.ladante.it), social network della lingua italiana, che già ospita una precedente campagna (‘Adotta una parola’).

Gli utenti sono chiamati ad adottare una delle oltre 1.600 canzoni che hanno partecipato al Festival di Sanremo, dalla prima edizione a quella del 2016, e a contribuire con contenuti, interazione con altri utenti, etc. per promuovere il brano diventandone custodi. La moderazione di www.beatrice.ladante.it animerà la vita di #AdottaUnaCanzone con giochi e iniziative per chi, attraverso la musica, ama la lingua italiana.

Da sempre la canzone di Sanremo è ambasciatrice di italianità ed è mezzo espressivo particolarmente efficace avendo così spesso coniugato musica e testo in una combinazione che ha reso questa nostra arte famosa nel mondo. Tale aspetto è particolarmente sentito all’estero, dove le comunità di italiani o di appassionati del nostro Paese trovano nella canzone un ideale collegamento con i valori e lo stile di vita dell’Italia. Lo stesso insegnamento dell’italiano agli studenti stranieri ha nel nostro repertorio, sia classico sia leggero, una grande ricchezza; il Laboratorio ITALS dell'Università Ca’ Foscari, che collabora ad #AdottaUnaCanzone, ha messo a disposizione tutta la propria esperienza e gli strumenti didattici del proprio laboratorio (www.edumusic.org).



Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha dato il proprio patrocinio all’iniziativa.

La Società Dante Alighieri (www.ladante.it), fondata nel 1889, è associazione senza fini di lucro con lo scopo di diffondere la lingua e la cultura italiane all’estero. Presente con oltre 400 comitati in 80 paesi, la società è impegnata nei corsi di insegnamento, nell’attuazione di metodologie didattiche di qualità (ADA) e nella certificazione delle competenze in lingua italiana (PLIDA) secondo i criteri del Quadro Comune Europeo di Riferimento.