Società Dante Alighieri

  • #AdottaUnaCanzone

     

    La Dante e il Festival di Sanremo

     

     

     

  • 6 febbraio 2017: al via #AdottaUnaCanzone, campagna social della 'Dante' dedicata alla canzone italiana (Sanremo)

  • Bruno Bottai tra cultura e politica estera (1930-2014)

    Bruno Bottai tra cultura e politica estera (1930-2014)

    La pubblicazione contiene: Ricordando Bruno Bottai di Andrea Riccardi (Presidente della Società Dante Alighieri); Bruno Bottai e la politica estera repubblicana negli anni Settanta e Ottanta di Luca Riccardi (Professore ordinario di Storia delle relazioni internazionali, Università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale); Un diplomatico prestato alla cultura di Alessandro Masi (Segretario Generale della Società Dante Alighieri); Bruno Bottai, il diplomatico di Giampiero Massolo (Direttore del Dipartimento per l'informazione e la sicurezza); Ricordi di un ragazzo di Giordano Bruno Guerri (Storico e Presidente della "Fondazione Vittoriale degli italiani"); Bruno Bottai alla Fondazione Balzan di Suzanne Werder (Segretario Generale della Fondazione Internazionale Premio Balzan).

    Autori: AA.VV.

    Anno: 2016

    Editore: Società Dante Alighieri

    ISBN: 978-88-99851-03-3

  • Carducci 2007: solo un anniversario?

    Carducci 2007: solo un anniversario?

    Atti del LXXVIII Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri (Roma, 28-30 settembre 2007)

    Sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica italiana

    “Il 78° Congresso internazionale della Società Dante Alighieri dal tema “Carducci 2007: solo un anniversario?” offre un'occasione importante per ricordare e celebrare il centenario della morte di uno dei suoi padri fondatori. La riflessione sul formarsi della nostra identità nazionale non può prescindere dal ruolo che vi ebbe Carducci, grande protagonista dell' Ottocento italiano, poeta, scrittore e uomo di intenso impegno civile, profondamente partecipe del moto unitario. Su sua ispirazione nel 1889 nacque a Roma, in Campidoglio, la Società Dante Alighieri con il compito di tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo. Un compito che oggi appare più che mai essenziale. Il mio saluto va a Lei, egregio Ambasciatore, ai relatori, agli organizzatori e a tutti i rappresentanti degli oltre 500 Comitati che diffondono nel mondo la lingua italiana e la cultura del nostro Paese”. [Messaggio del Presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano]

    Editore: Società Dante Alighieri

    Anno: 2010

  • Dante e la nascita dell'Uomo del Rinascimento

    Dante e la nascita dell'Uomo del Rinascimento

    Atti del LXXVI Congresso internazionale della Società Dante Alighieri, tenuto a Siena dal 25 al 27 settembre 2003.

    "Il settantaseiesimo Congresso internazionale della Società Dante Alighieri sul tema “Dante e la nascita dell'Uomo del Rinascimento” è occasione per riaffermare il ruolo dell'opera dantesca nella valorizzazione della nostra preziosa tradizione linguistica e culturale.
    Il tema proposto approfondisce la riflessione sulla natura dell'uomo nuovo, fondamento di una civiltà profondamente ancorata a quei valori ideali universale che hanno ispirato la cultura europea permeandola di una intensa coscienza umanistica.
    Questa coscienza era già presente nelle radici del nostro patrimonio spirituale, nel pensiero greco e cristiano, nelle istituzioni romane ed è rimasta intatta, arricchendosi del lungo arco di tempo che dal Medioevo al Rinascimento ha condotto all'Illuminismo e alla cultura contemporanea punto a capo nella consapevolezza che incontri come questo contribuiscono a rinnovare una tradizione, motivo di orgoglio per la Nazione, formulo a Lei, egregio Ambasciatore, agli illustri relatori, a tutti i partecipanti gli auguri di buon lavoro". [Messaggio del Presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi]

    Anno: 2005

    Editore: Società Dante Alighieri

  • Giorgio Caproni. Antologia

    Giorgio Caproni. Antologia

    A cura di Francesco De Nicola e Maria Teresa Caprile

    «“Ancora vorrei conversare a lungo / con voi. [...] Era così bello parlare / insieme”: in questi versi del Congedo del viaggiatore cerimonioso – scritti nel 1960 e dunque quasi a  metà della sua carriera poetica, compresa tra il 1936, anno del suo libro d’esordio Come un’allegoria e il 1989, quando compose i suoi ultimi versi –  si riassume quella che è la qualità più evidente e costante dell’intera opera letteraria di Giorgio Caproni, che risponde all’intento di svolgere una lunga conversazione con i suoi lettori, in un affabile susseguirsi di  ritratti, emozioni, descrizioni, riflessioni proposti con cordiale  immediatezza» [dall'introduzione di Francesco De Nicola]

     

    Autore: Francesco De Nicola e Maria Teresa Caprile

    Anno: 2015

    Editore: Società Dante Alighieri

  • Giovanni Pascoli. Antologia

    Giovanni Pascoli. Antologia
    A cura di Alberto Casadei

    Per rileggere Pascoli in tutte le sfaccettature di un poeta che fu del suo tempo, ma anche moderno e attuale, una nuova antologia invita a riscoprire i molti significati nascosti sotto l’apparente semplicità dei suoi versi, e le sfumature stilistiche e metriche che il poeta di San Mauro seppe offrire alla lirica italiana. Pascoli è uno dei poeti italiani più imitati del Novecento, magari in modi indiretti o trasgressivi, come quelli di Pasolini, dalle prime poesie alle ‘Ceneri di Gramsci‘.

    Autori: Alberto Casadei

    Anno: 2007

    Editore: Società Dante Alighieri

    Maggiori informazioni

  • I cento anni della "Dante Alighieri"

    I cento anni della "Dante Alighieri" 1889-1989

    Nel ripercorrere il lungo cammino della Società “Dante Alighieri”, nata nel 1889, a meno di trent’anni dall'Unità d'Italia, abbiamo voluto mostrare, attraverso le immagini, i documenti e il materiale d'archivio, i momenti più significativi della sua storia, che procede parallelamente alla storia del paese, arricchendosi di tutti i problemi, le battaglie, i drammi, le conquiste e le trasformazioni politiche, economiche, sociali e culturali di questo ultimo secolo.
    Proprio per tracciare un percorso fedele della vita della Società e delle complesse vicende che ne hanno caratterizzato la storia, abbiamo incluso nella presente pubblicazione, accanto ai documenti storici, anche il materiale che si può definire minore: manifestini, articoli di giornali, caricature, locandine teatrali, menù di banchetti, programmi musicali, ecc.
    Attraverso le immagini e le parole, accostate senza ulteriori commenti, emergono, oltre che i nomi insigni e i fatti significativi che hanno dato prestigio alla “Dante”, anche le esigenze culturali, gli interessi linguistici, le mode e il gusto dell'intera società italiana, non solo in patria, ma anche nei piccoli nuclei gelosamente ricostruiti in terre lontane. [Vilma Costantini]

    Anno: 1990

    Editore: Società Dante Alighieri

  • Il nuovo Parco Letterario Eugenio Montale e delle Cinque Terre si presenta alla Dante

    In occasione dei 40 anni dal Nobel per la Letteratura a Eugenio Montale, il Parco Nazionale delle Cinque Terre e la Dante Alighieri hanno inaugurato nel dicembre 2015 a Monterosso al Mare (Sp) il Parco Letterario Eugenio Montale e delle Cinque Terre con un evento intitolato “Gente, vino e rocce delle Cinque Terre”. Ieri a Palazzo Firenze la presentazione alla Dante.
  • Il viaggio di Dante

    Il viaggio di Dante. Storia illustrata della Commedia

    di Emilio Pasquini

    "Seguendo il filo offerto dalle straordinarie miniature dei manoscritti più antichi e lasciando in primo piano il ritmo narrativo degli eventi, uno dei maggiori studiosi di Dante racconta la Commedia al pubblico non accademico, senza presupporre particolari conoscenze né rinviare a letture erudite o bibliografie accessorie. Grazie al risalto dato agli aspetti più concreti e stimolanti dell’opera, gli incontri con i personaggi e le atmosfere del poema invogliano di canto in canto ad attingere direttamente dal testo originale le emozioni e le conoscenze di cui il capolavoro dantesco si rivela, ancora e di nuovo, fonte inesauribile."

     

    Autore: Emilio Pasquini

    Anno: 2015

    Maggiori informazioni

  • Intervista in esclusiva per la Dante ad Andrea Camilleri

    Il grande scrittore siciliano, creatore del "Commissario Montalbano" e di tanti bellissimi romanzi, ha risposto alle nostre domande sui temi della lingua, della letteratura, delle sue fonti di ispirazione (come l'Orlando Furioso), del ruolo dello scrittore, dell'inserimento di parole dialettali nei racconti, di aneddoti inediti e di tanto altro. Buona lettura!
  • Introduzione a Palazzo Firenze

    Introduzione a Palazzo Firenze

    Di Maria Giulia Aurigemma

    "Dopo la pubblicazione del volume Palazzo Firenze in Campo Marzio, edito dall'Istituto Poligrafico dello Stato nel 2007, accolgo con molto favore l'uscita di questa guida, di nuovo autrice la Professoressa Maria Giulia Aurigemma, che potrà agevolmente condurre il visitatore alla scoperta della storia della ricchezza artistica di Palazzo Firenze, dal 1926 sede della Società Dante Alighieri. Una sede nel cuore della Roma rinascimentale e barocca, delle antiche origini e dal glorioso passato, legata alla figura del Pontefice Giulio III del Monte, ma soprattutto la famiglia dei Medici di Firenze che, per lunghi anni, utilizzo il palazzo come propria ambasciata nella città papale. Una residenza di notevole pregio architettonico e artistico, cui offrirono il proprio contributo creativo i nomi eccellenti di Bartolomeo Ammannati, di Jacopo Zucchi e di Prospero Fontana e che forse ospitò, secondo un'ipotesi molto dibattuta, Michelangelo Merisi da Caravaggio, che visse, in ogni caso, a una manciata di metri dall'edificio. Da quasi un secolo, infine, sede della nostra Società, fondata nel lontano 1889 per iniziativa di un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci con lo scopo di diffondere la lingua e cultura italiana nel mondo. Da Palazzo Firenze, oggi, vengono coordinate le attività degli oltre 500 Comitati della Dante, di quali più di quattrocento all'estero, con il loro a 200.000 studenti e le numerose biblioteche di italianistica". [Dalla presentazione dell'Ambasciatore Bruno Bottai, Presidente della Società Dante Alighieri]

    Autore: Maria Giulia Aurigemma

    Editore: Società Dante Alighieri / Edilazio

     

  • Là dove il sì suona

    Là dove il sì suona

    La Società Dante Alighieri in Alto Adige

    "L'idea di quest'opera storica è nata in occasione del  79° Congresso internazionale della Società Dante Alighieri che si è tenuto a Bolzano e Merano dal 25 al 27 settembre 2009 [...] L'ubicazione del Congresso a Bolzano e Merano, dopo il precedente che si tenne nel 1935, ha inteso riconoscere l'importanza di questo presidio della Dante nel corso del secolo scorso e ovviamente anche nel presente" [Dalla presentazione di Giulio Clamer, Presidente del Comitato della Dante di Bolzano]

    Autori: Giorgio Delle Donne, Tiziano Rosani

    Anno: 2013

    Editore: Società Dante Alighieri - Comitato di Bolzano / Praxis

  • Pizza, espresso, lasagna. Le parole del gusto che piacciono agli italiani

    È pizza la parola della cultura gastronomica italiana più amata

  • Quando la poesia resiste all’"erosione"

    Prenderà le mosse dal cinema la rassegna “La parola che non muore” che, con la collaborazione della Società Dante Alighieri e altri enti, animerà le vie di Civita di Bagnoregio dal 2 al 4 ottobre: saranno ospiti dell’evento, diretto da Massimo Arcangeli e Giancarlo Liviano D’Arcangelo, i due sceneggiatori, Francesca Serafini e Giordano Meacci, che insieme a Claudio Caligari – il regista scomparso a maggio – hanno firmato Non essere cattivo, il film che rappresenterà l’Italia agli Oscar del prossimo anno.

  • Sulla punta della lingua

    Sulla punta della lingua

    Come il francese, l'inglese, il portoghese, lo spagnolo e il tedesco affrontano la sfida del mondo. E l'italiano?

    di Federico Guiglia

    Il mondo è pieno di conflitti, ma alla frontiera della lingua non si vedono mai nemini: parlarsi è il ponte che unisce. E poi la parola è anche un investimento nella conoscenza, l'unico che non perda valore col tempo, anzi, l'acquisti.
    Con queste convinzione, Federicio Guiglia è partito per un lungo viaggio fra le lingue francese, inglese, portoghese, spagnola e tedesca. Ha condiviso i loro sogni per raccontarli. Ha raccolto le loro ambizioni per confrontarle. Ha cercato di capire quale sia, oggi, la loro nuova identità senza confini. Lingua come specchio di cultura, non solo come arte per dialogare, lingua come civiltà del comunicare.
    Alla fine l'autore ha fatto la stessa cosa con la lingua italiana, camminando sul futuro della sua antica memoria.
    Sulla punta dellla lingua è il risultato della ricerca ed è lo spunto per una proposta: la proposta qui delineata per rendere sempre più universale la lingua nazionale. Perché l'italiano è un patrimonio dell'umanità e non più un tesoro dell'Italia, solamente. L'italiano è un diritto del mondo e l'Italia ha il dovere di assicurarlo alle generazioni che verranno. Anche questa è una convinzione che ha mosso l'autore nell'avventura linguistica oltre ogni muro e già nel domani.

    Autore: Federico Guiglia

    Anno: 2006

    Editore: Società Dante Alighieri

  • Vivere italiano

    Vivere italiano. il futuro della lingua

    Il lavoro di ricerca ci ha confermato da un lato che l'Italia di oggi, con la propria forza economica, con la propria coesione sociale, con la vitalità dell'associazionismo, con la spinta di Regioni ed Enti Locali, è ben conosciuta e rappresentata nella realtà culturale internazionale; e che la rete della “Dante” avverte l'esigenza di farsi portatrice di questa nuova configurazione del Paese.
    Certo se restassimo soltanto le parole dovremmo un po' “vergognarci” perché che le tre più universalmente conosciute sono spaghetti, mafia e pizza; ma andando più a fondo si capisce che l'immagine dell'Italia è ben altrimenti forte e trasparente nell'opinione pubblica internazionale, non opacizzata cioè da un immaginario collettivo retorico e stereotipato. [dall’introduzione di Giuseppe De Rita]

    Autori: Premessa di Barbara Palombelli; introduzione di Giuseppe De Rita

    Anno: 2003

    Editore: Luca Sossella Editore / Società Dante Alighieri