Per la prima volta, con l'importante supporto della Società Dante Alighieri di Manila, le pellicole della 73° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia sono state visionate anche nelle Filippine, all'interno del “Venice Cineplex” di Manila. L'iniziativa, intitolata "Venice Film Festival in Manila", è stata organizzata tra 26 e 31 luglio grazie a una collaborazione tra l’Ambasciata d’Italia nelle Filippine e il  Film Development Council of the Philippines, con il sostegno della Società Dante Alighieri di Manila e della locale Camera di Commercio Italiana, in collaborazione con la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. 

← Nell'immagine, scattata durante la conferenza stampa del 26 luglio in l'apertura del Festival, ecco il direttore della Dante di Manila, Luigi Bernas, accanto a Sua Eccellenza Massimo Roscigno, Ambasciatore d'Italia nelle Filippine, Mary Liza Diño, del Film Development Council delle Filippine, e Sergio Boero, presidente della Camera di Commercio italiana nelle Filippine.

Il primo film in proiezione, lo stesso 26 luglio, è stato “The Woman Who Left” (Filippine 2016), diretto da Lav Diaz e vincitore del Leone d’Oro nel 2016.

Tra gli altri film in programma, “Piuma” di Roan Johnson (Italia, 2016), “Tommaso” di Kim Rossi Stuart (Italia, 2016), “Liberami” di Federica Di Giacomo (Italia, 2016), “Profumo di donna” di Dino Risi (Italia, 1974), “Processo alla città” di Luigi Zampa (Italia, 1952) , “Jay” di Francis Pasion (Filippine, 2009), “Questi giorni” di Giuseppe Piccioni (Italia, 2016), “Orecchie” di Alessandro Aronadio (Italia, 2016), “Thy Womb” di Brillante Mendoza (Filippine, 2012) e “L’estate addosso” di Gabriele Muccino (Italia, 2016).

 

 

 Galleria fotografica dell'evento