È un appuntamento che arriva quest'anno alla sua settima edizione quello di “La Storia in piazza”, la rassegna di incontri che animerà dal 7 al 10 aprile il Palazzo Ducale di Genova.

Ciascuna edizione del progetto è stata costruita intorno a un grande tema della Storia: lo scorso anno si parlò delle “Età del Capitalismo” e quest'anno è la volta della storia dell'industria della cultura, in un percorso complesso e appassionante che parte dall'invenzione gutenberghiana della stampa per inserirsi nel dibattito attualissimo della globalizzazione culturale, che mette al centro i “produttori” della cultura – e il loro diverso ruolo, civile ed economico, nelle diverse epoche – e le innovazioni tecnologiche che a più riprese, dai caratteri mobili al Web, ne hanno determinato le evoluzioni.

La curatela scientifica della rassegna è affidata allo storico britannico Donald Sassoon, professore emerito di Storia europea comparata (Università Queen Mary di Londra), formatosi come allievo del celeberrimo Eric Hobsbawm e da tempo appassionato alla ricostruzione di varie fasi della storia del nostro Paese, a cui ha dedicato diverse pubblicazioni (qui il suo profilo completo).

Tra i molti prestigiosi nomi, italiani e internazionali, che discuteranno dell'industria della cultura ci sono anche quelli di Alberto Abruzzese, Philippe Daverio, Derrick de Kerckhove, Carlo Freccero, Maurizio Ferraris. La rassegna sarà inaugurata dall'incontro con lo scrittore britannico Ken Follett.

Il programma completo degli incontri sarà pubblicato presto sul sito www.lastoriainpiazza.it