Parlano italiano due dei sette vincitori dei Premi svizzeri di letteratura 2016: si tratta di Giovanni Fontana e Massimo Gezzi. Il primo, ticinese, viene premiato per “Breve pazienza di ritrovarti. Nel gorgo di salute e malattia”, pubblicato nel 2015 da Interlinea; il secondo, marchigiano, è un poeta e vive a Lugano e viene premiato per la raccolta “Il numero dei vivi”, opera che gli è già valsa il Premio internazionale di poesia Carducci 2015 (Donzelli, 2015).

Il risultato della selezione, su raccomandazione della giuria federale della letteratura, presieduta da Dominik Müller – gli altri vincitori sono Yves Laplace, Antoinette Rychner, Ruth Schweikert, Monique Schwitter e Leta Semadeni  – è stato reso noto dall’Ufficio federale della cultura e porterà gli autori scelti ad essere premiati il 18 febbraio presso la Biblioteca nazionale di Berna.

Ai vincitori di questa quarta edizione un premio in denaro, di 25 mila franchi ciascuno, e il sostegno alla diffusione delle loro opere, anche tramite “una rassegna di letture organizzate in tutta la Svizzera” che “permetterà loro di raggiungere il pubblico al di là dei confini linguistici”.

Comunicato stampa

a.c.