Yvonne Scarica e Maurizio Corso, beneficiari delle borse di studio assegnate dal Comitato di Melbourne

 

La Società Dante Alighieri di Melbourne dal 2015 offre ad insegnanti di italiano delle scuole della città borse di studio per frequentare corsi di lingua in una delle quattro Scuole di italiano della Società Dante Alighieri (http://roma.ladante.it/http://ladante.it/scuole-di-italiano/milano.htmlhttp://bologna.ladante.it/http://firenze.ladante.it/), migliorare la propria conoscenza della lingua ed aggiornare le tecniche di didattica dell'italiano. Nel 2016 due borse di studio sono state assegnate a Maurizio Corso, docente del "Gladstone Park Secondary College", e Cyvonne Scarica, docente dell'"Hoppers Crossing Secondary College", che tra gennaio e febbraio 2017 hanno avuto la possibilità di frequentare corsi di italiano presso la Scuola Dante Alighieri di Milano.

Abbiamo chiesto a Maurizio Corso di raccontarci la sua esperienza alla Dante e la situazione della lingua e della cultura italiana in Australia.

Qual è lo “stato di salute” della lingua e della cultura italiana a Melbourne?
È molto vivace! L’italiano è una delle lingue più studiate a scuola e c’è ancora tanta gente di origine italiana e che ogni anno arriva dall’Italia. A Melbourne si organizzano molte feste frequentate sia dagli italiani che dagli australiani.

Come l’insegnamento della lingua italiana si inserisce nel sistema scolastico locale?
Nella scuola dove insegno è obbligatorio studiare l’italiano fino a 15 anni, dopo gli studenti possono scegliere se continuare, scegliendo fra molte lingue, come il giapponese, il cinese e il francese...l’italiano è solo una delle scelte. In alcune scuole studiare una lingua non è obbligatorio per tanto tempo, però la maggior parte delle scuola australiane vogliono che gli studenti imparino almeno un’altra lingua oltre all’inglese.

Quali sono, a tuo giudizio e secondo la tua esperienza, i materiali ed i supporti didattici più utili per agevolare l’apprendimento dell’italiano per un anglofono?
Gli insegnanti preparati sicuramente. Però anche avere materiali che sono pertinenti alla vita dello studente è importante. Uno studente deve capire non solo la grammatica e la cultura italiana, ma anche come la lingua viene usata nella vita di tutti i giorni.

Quali sono le ragioni principali che avvicinano un australiano allo studio della lingua italiana?
Come ho già detto, ci sono tante persone di origine italiana, perciò la lingua italiana è vista come una lingua “romantica”. Inoltre è più facile da imparare rispetto alle lingue asiatiche.

Conosci studenti o cittadini australiani che hanno deciso di trascorrere periodi in Italia per migliorare il proprio italiano?
Qualche studente universitario è venuto a studiare in Italia, ma venire in Italia solo per migliorare il proprio italiano è difficile perché si tratta di un Paese molto distante. Gli australiani vedono l’Italia più come un Paese dove si può andare in vacanza.

Quali sono le difficoltà maggiori che hai incontrato nell’apprendimento della lingua italiana?
Certamente parole e frasi che non esistono in inglese. È molto difficile imparare qualche cosa se non lo hai mai visto nella tua madrelingua.

Quali sono gli aspetti della cultura italiana più apprezzati in Australia?
Il cibo, il cibo…e il cibo? Gli australiani vanno matti per il cibo italiano. Infatti è probabilmente il cibo che si trova di più nei ristoranti australiani. Altrimenti, gli aspetti più apprezzati sono il paesaggio e l’architettura italiani.

Come è stata la tua esperienza alla Dante?
Durante queste quattro settimane alla Dante mi sono trovato bene. Gli insegnanti sono stati bravissimi e anche l’atmosfera a scuola è molto rilassante e felice. È molto piacevole studiare in una scuola dove stiamo tutti volentieri, pronti ad imparare (specialmente quando hai insegnato ad adolescenti che sono “forzati” a stare a scuola…). C’è anche un’atmosfera di collaborazione e di aiuto, gli insegnanti sono qui per aiutarci, anche quando non è ora di lezione. Mi piacerebbe ritornare, ma purtroppo con la vita dell’insegnante è difficile viaggiare a così grande distanza spesso. Grazie alla Dante per avermi dato questa opportunità di migliorare il mio italiano. È stato un grande aiuto!

 

15 intervistamelbourne2