Il restauro, finanziato dalla casa di moda Fendi, è iniziato il 30 giugno del 2014 e costato 2 milioni e 180 mila euro. Con il verifica tecnico-scientifica della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, 26 professionisti si sono impegnati per restituire l’originale splendore alla fontana più famosa del mondo. La nota della maison Fendi riporta in dettaglio le fasi dei lavori : "durante il periodo del restauro, l'idea da parte della Sovrintendenza Capitolina di realizzare la passerella panoramica con pannellatura trasparente, accessibile direttamente dalla piazza, ha permesso ai visitatori di vedere la Fontana di Trevi da una prospettiva unica, di entrare fisicamente in un capolavoro artistico di fama internazionale e di avere una prossimità mai avuta prima". Dalla passerella, attirati dal cantiere, sono transitati 3 milioni di visitatori. Il monumento quindi non è stato mai sottratto alla visita dei turisti, descrive ancora la nota: "il progetto di ripristino, giocando di creatività, ha dato vita ad uno dei cantieri di restauro tra i più innovativi concepiti finora per interventi di questo tipo e consentito di non interrompere la fruizione di uno dei monumenti più belli e visitati di Roma. A gennaio 2013, Fendi annunciava il restauro della Fontana di Trevi a Roma sotto il suo patrocinio. Questo atto filantropico ha dato il via a un ambizioso progetto volto a preservare il patrimonio culturale della città di Roma: 'Fendi for Fountains'. Oltre alla Fontana di Trevi, l'iniziativa ha riguardato anche il complesso delle 'Quattro Fontanè i cui lavori di restauro sono terminati a maggio 2015”. In questi giorni è tornata a scorrere l’acqua tra gli applausi dei turisti.