Dante, per Manganelli, non era altro che «il classico degli enigmi»: “Ed ora penso a Dante, il classico degli enigmi, alla sua opera ricoperta da una secolare incrostazione di chiose, note, note alle note; indispensabili, si sa, ma inutili, perché Dante è il poeta enigma, lo è consapevolmente”

Nato il 29 Novembre 1990 a Borgo San Lorenzo, in provincia di Firenze, è iscritto al CDLM Medicina e Chirurgia. Tra i banchi di scuola sviluppa una passione per il Sommo Poeta e compone il seguente articolo sul Purgatorio dantesco, attualmente inedito.

Nella seconda cornice, quella dove “Ombra non lì è né segno che si paia”, regna la solitudine. Virgilio si volta verso destra, guarda il sole e gli chiede, con tono imperativo: “tu ne conduci”. Sta parlando al Sole come allegoria della Grazia divina o all’astro? Se fosse vera solo la prima ipotesi significherebbe che ci sono casi in cui la Grazia divina non deve essere considerata la nostra guida. L’articolo propone una rassegna delle posizioni dei diversi commentatori sul ruolo del Sole in questo passaggio del Purgatorio dantesco. Le anime purganti danno ai due viandanti delle vere e proprie “indicazioni stradali”.

Nato a Noventa Vicentina nel 1975, dopo studi letterari sta concludendo quelli teologico-liturgici. Si occupa di letteratura, teologia e traduzione dall'ebraico biblico e collabora come editor per alcune case editrici. Il suo ultimo libro, I ferri del mestiere, è uscito per Lo Specchio Mondadori nel 2011. Una sua nuova versione del Cantico dei cantici uscirà per Il Saggiatore nel 2015.

Il Paradiso dantesco ha forse smarrito una delle sue caratteristiche principali: essere anche teologicamente coerente con uno dei cardini della fede cristiana, l'incarnazione e la resurrezione della carne. Il famoso motto di Tertulliano, caro salutis cardo, è rintracciabile come segno e figura di salvezza e redenzione anche nell'ultima e più alta cantica dantesca? E in quali modalità? Tali domande vengono affrontate per cenni attraverso una “estetica del rito”, approccio al testo che sembra funzionare grazie alle somiglianze tra strategie rituali e testuali. La "contemporaneità" dantesca sembrerebbe passare attraverso queste strategie che, recuperando il contesto culturale e teologico in cui la Commedia è stata ideata e scritta, ci riportano all'oggi in maniera davvero sorprendente, trovando analogie importanti con le ricerche sulla performance, la liturgia, e con le acquisizioni delle neuroscienze e della teoria della complessità; aprendo prospettive non dualistiche che possono essere utili sia per la teologia sia per l'estetica.

#dantemania

#dantemania

750 anni di Dante

Dante ha 750 anni, ma noi continuiamo a leggerlo e ci prepariamo, con #Dantemania, alle celebrazioni dantesche del 2021. Inizia nel 2015 il conto alla rovescia per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, uno dei poeti italiani più studiati e amati #italofonia

In primo piano:

ArtWireless

bannerAW

La cultura viaggia senza fili

Progetto online di informazione per l'arte, idea di cultura che viaggia senza fili e prodotto utile al sistema museale pubblico e privato, agli studiosi, ai collezionisti, agli artisti, ai galleristi e a tutti gli amanti della cultura desiderosi di conoscere ciò che accade nel mondo dell'arte.

In primo piano:

I Parchi Letterari®

logoParchiLetterari

Scopri i Parchi Letterari® Italiani

Accade a volte di sognare tra le pagine di un libro; ma che ne direste se ad avvolgersi attorno a voi fosse un intero Parco Letterario? Scopri i nostri percorsi ed itinerari attraverso i luoghi di vita e di ispirazione dei grandi scrittori di tutti i tempi.

In primo piano:

Comitato della settimana

L'intervista

Paolo Cognetti

Il voto della Società Dante Alighieri per l’edizione 2017 del Premio Strega va a Paolo Cognetti, autore del libro Le otto montagne (Einaudi). Lo scrittore è stato il più votato dai circoli di lettura promossi nei Comitati della Dante. Guarda l'intervista